Cronaca

Gioco illegale e scommesse clandestine, controlli della Finanza: sequestri e denunce

Verifiche in sale slot e centri scommesse: sequestrati numersi apparecchi risultati irregolari, 37 persone denunciate

Centri scommesse e sale slot nel mirino della Finanza, per contrastare il fenomeno del gioco illegale. Nel corso della settimana, sono scattati controlli a tappeto in tutta la  regione, che hanno portato al sequestro di apparecchiature risultate irregolari e alla denuncia dei soggetti responsabili delle violazioni.

In particolare, su 183 controlli effettuati, 45 esercizi sono risultati irregolari (pari a circa il 25% dei centri ispezionati). Nel complesso,  sono state sequestrate complessivamente 36 apparecchiature elettroniche, tra terminali informatici ('totem') e personal computer, con la verbalizzazione di 70 soggetti, di cui 37 denunciati all’A.G. in quanto responsabili di violazioni costituenti reato.

I controlli, spiega la Finanza, hanno riguardato "i soggetti abilitati alla raccolta delle giocate, per accertare l’esatto versamento dell’imposta unica sui concorsi pronostici/scommesse e delle altre forme di prelievo erariale vigenti, nonché l’osservanza delle norme amministrative e di settore". Stessa attenzione è stata riservata "all’illecita raccolta delle scommesse ed all’organizzazione abusiva di gare e di giochi da parte di operatori non autorizzati, i quali, oltre alla concorrenza sleale nei confronti delle attività regolarmente amministrate, determinano una contrazione del gettito erariale derivante dal monopolio fiscale su giochi e scommesse".

Dall’inizio dell’anno, sono stati in tutto 393 i controlli in questo settore eseguiti dai militari della Finanza su tutto il territorio regionale, rilevando irregolarità nel 33% dei casi, con la verbalizzazione di 287 soggetti, di cui 73 denunciati all’A.G., con 339 apparecchiature poste sotto sequestro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioco illegale e scommesse clandestine, controlli della Finanza: sequestri e denunce

BariToday è in caricamento