Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Gioia del Colle

Spericolata fuga con l'auto rubata per sottrarsi all'arresto, si schiantano contro un albero: ladri in manette, uno finisce in ospedale

E' accaduto a Gioia del Colle: in manette sono finiti tre bitontini. Intercettati dai carabinieri, hanno tentato di scappare innescando un lungo inseguimento. Le manovre spericolate sono culminate nello schianto. Uno di loro è ricoverato e piantonato al Policlinico


Intercettati dai carabinieri dopo il furto d'auto, tentano la spericolata fuga inseguiti dai militari, ma la loro corsa finisce con lo schianto contro un albero e l'arresto. E' accaduto a Gioia del Colle, dove i militari, da tempo impegnati in mirati controlli serali e notturni contro i furti, hanno intercettato all'alba un’auto sospetta.

I carabinieri - una pattuglia in servizio in abiti civili - hanno quindi iniziato un pedinamento e dopo pochi minuti hanno notato lo stesso mezzo sfrecciare seguito da una berlina. A questo punto hanno deciso di procedere al controllo intimando l’Alt, ma gli occupanti della berlina hanno iniziato ad accelerare imboccando la strada provinciale “Gioia-Acquaviva” in direzione di quest’ultimo centro. 
 
Ne è scaturito un prolungato inseguimento, terminato lungo la provinciale S.P. 90 “Sannicandro-Bitetto”, dopo circa 40 chilometri, allorquando il conducente della berlina, dopo aver compiuto ripetute manovre spericolate finalizzate a far desistere gli inseguitori, a causa della forte velocità, ha perso il controllo del mezzo andandosi a schiantare contro un albero di ulivo dislocato lungo il ciglio stradale. A questo punto gli occupanti sono stati subito bloccati dai componenti della pattuglia della Stazione Carabinieri di Acquaviva delle Fonti che li ha tallonati per tutto il tragitto. 

I fermati sono stati identificati in due soggetti pregiudicati di Bitonto, un 48enne e un 41enne, mentre l’auto, come da accertamenti successivi, è risulta asportata in strada poco prima, all’ignaro proprietario che ancora non si era avveduto del furto. Contemporaneamente una pattuglia del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile che era stata preallertata è riuscita a bloccare a Gioia del Colle un terzo soggetto, 53enne, complice dei due, con funzioni di palo, che viaggiava a bordo di una Ford c-Max “pulita”.

I due fuggitivi hanno riportato lesioni personali in seguito all’impatto e sono stati subito  trasportati, a mezzo ambulanze del 118, in ospedale a Bari. Solo uno dei tre è stato ricoverato a causa dei traumi ricevuti. Il veicolo asportato, non più marciante, ha riportato danni al cofano anteriore. Sono stati rinvenuti e sottoposti a sequestro tutti gli arnesi utilizzati da malfattori per asportare il mezzo.

Al termine delle formalità di rito, i due bitontini, il 53enne ed il 41enne, sono stati condotto in carcere a Bari, mentre il terzo, il 48enne, è stato ricoverato presso il reparto di detenuti del Policlinico, come disposto dal sostituto Procuratore in turno. Tutti e tre, considerata la pericolosità dei comportamenti tenuti, dovranno difendersi dall’accusa di rapina impropria e resistenza a pubblico ufficiale. Sono in corso ulteriori accertamenti al fine di acclarare eventuali responsabilità del terzetto in altri furti di autovetture consumati nel circondario.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spericolata fuga con l'auto rubata per sottrarsi all'arresto, si schiantano contro un albero: ladri in manette, uno finisce in ospedale

BariToday è in caricamento