Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca Capurso

Ballerino di Capurso bloccato a Kiev, Giordano è salvo: in viaggio per lasciare l'Ucraina

Il giovane è stato recuperato da soldati ucraini e un rappresentante dell'ambasciata italiana alle 11 di mercoledì 2 marzo. Lo conferma la famiglia del ballerino, col padre in contatto con il sindaco Michele Laricchia e autorità italiane

Giordano Signorile è salvo. Il ragazzo di Capurso, di professione ballerino, bloccato dallo scoppio della guerra in Ucraina in un dormitorio del centro di Kiev è stato recuperato da soldati ucraini e  da un rappresentante dell'ambasciata italiana alle 11 di mercoledì 2 marzo. Lo conferma la famiglia di Giordano, con il padre in contatto col sindaco Michele Laricchia e autorità italiane. Il 19enne vive da ciqnue anni nella capitale Ucraina sotto assedio dell'esercito russo. I giorni scorsi si erano moltiplicati gli appelli suoi attraverso i social e quelli dei genitori per salvarlo dai bombardamenti.

Ad annunciare la sua prossima "liberazione" era stato lui stesso in un video di pochi secondi pubblicato sui social. Ora Giordano è diretto in Moldavia dove potrà essere accolto da diplomatici Italiani e di lì fare ritorno nella sua Capurso. "Siamo felicissimi per lui e per la famiglia - racconta Laricchia - che ha passato giorni terribili, di ansia e di angoscia. Non vediamo l'ora di poterlo riabbracciare al più presto". 

 A confermre la notizia è anche il padre di Giordano, Mimmo Signorile: "È lui che ci messsaggia appena è possibile, dove c'è linea, sta bene ed è felicissimo come noi. È in viaggio assieme ad altri italiani recuperati durante tutta la mattinata a Kiev e nei dintorni. Voglio ringraziare per questo tutte le autorità che si sono adoperate per salvarlo, dall'ambasciata italiana al ministro delgli Esteri Luigi Di Maio, il presidente della Regione Michele Emiliano, e i sindaci Antonio Decaro e Michele Laricchia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ballerino di Capurso bloccato a Kiev, Giordano è salvo: in viaggio per lasciare l'Ucraina
BariToday è in caricamento