Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca Bari Vecchia / Piazza Mercantile

"Città per la vita", i monumenti di Bari si illuminano per dire no alla pena di morte

Il 30 novembre Comune e Provincia aderiscono alla giornata contro la pena di morte promossa dalla Comunità di Sant'Egidio: saranno illuminati la colonna infame in piazza Mercantile e il campanile di via Spalato

Monumenti illuminati di verde per dire no alla pena di morte. Anche la città di Bari aderisce alla "Giornata internazionale delle città per la vita - città contro la pena di morte" promossa dalla Comunità di Sant'Egidio che si celebra il 30 novembre.

I due monumenti scelti rispettivamente da Comune e Provincia per partecipare all'iniziativa sono la colonna infame di Piazza Mercantile e il campanile del Palazzo della Provincia in via Spalato. La scelta della colonna infame, "antica gogna alla quale venivano incatenati ed esposti al pubblico ludibrio i debitori insolventi - spiega una nota del Comune - invita a riflettere sulla legalità, le violazioni dei diritti umani, e sulla pena di morte che contraddice la visione riabilitativa della giustizia, legittima la violenza e rischia di farsi strumento per colpire minoranze politiche, etniche o religiose.

La Comunità di Sant’Egidio promuove la Giornata Mondiale delle “Città per la vita-Città contro la Pena di morte” (Cities For Life, Cities Against the Death Penalty) dal 2002. La data del 30 novembre è stata scelta perché ricorda la prima abolizione della pena capitale, sancita dal Granducato di Toscana proprio il 30 novembre del 1786.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Città per la vita", i monumenti di Bari si illuminano per dire no alla pena di morte

BariToday è in caricamento