Domenica, 1 Agosto 2021
Cronaca

Diritti dell'infanzia, in Puglia un piccolo esercito di minori fuori famiglia

Sono circa 3.081, allontanati dal nucleo familiare di origine a causa di maltrattamenti o situazioni di grave marginalità sociale. Il 23% è rappresentato da bambini stranieri

Allontanati dalla famiglia di origine a causa di maltrattamenti, abusi o di situazioni di grave marginalità sociale; accolti in nuovi nuclei familiari attraverso al procedura dell'affido: sono i minori fuori famiglia, in Puglia un piccolo esercito composto da 3.081 bambini e bambine.
I dati, contenuti nel IV Rapporto sui Minori fuori famiglia in Puglia (dati al 31.12.2011) curato dall'Osservatorio regionale per le Politiche sociali presso tutti i Comuni pugliesi sono stati presentati dall'assessore regionale al Welfare Elena Gentile in vista della Giornata internazionale dei diritti dell'infanzia che si celebra oggi.

"Da anni ormai - ha detto Gentile - crediamo che il modo migliore per rendere omaggio alle celebrazioni per la Giornata internazionale dei diritti dei bambini e delle bambine, sia di fornire strumenti di lavoro aggiornati agli operatori di settore e, perché no, anche alle famiglie pugliesi".

AUMENTANO I BAMBINI STRANIERI - Degli oltre tremila bambini che vivono al di fuori del contesto familiare in Puglia, il 23% è rappresentato da minori stranieri, complessivamente 717 (+ 69% circa rispetto al 2007), a fronte di un calo generale del 4%, analizzato nel quinquennio tra il 2007 e il 2011, della popolazione complessiva dei minori fuori famiglia.

LE PROCEDURE DI AFFIDO - Circa il 40% dei minori fuori famiglia viene preso in carico mediante affido familiare (-10% rispetto alla rilevazione del 2007 per i minori in generale, e addirittura -34% dei minori stranieri): nonostante la diffusione in molti ambiti territoriali di elenchi di famiglie affidatarie, preparate per accogliere altri minori oltre i propri figli, prevale ancora da parte dei Tribunali per i Minorenni la prassi di affidare alle comunità educative i minori. In totale i percorsi di affido familiare in Puglia riguardano 1.239 minori, avvengono ancora prevalentemente all'interno della famiglia (71,1%), pur facendo registrare una riduzione rispetto al 2009 di quasi il 3%, il che é molto importante, perché lascia più spazio agli affidamenti eterofamiliari. Si tratta, inoltre, di affidi familiari soprattutto di carattere giudiziale, senza il consenso (74,1%) e per periodi prolungati (66,7%). Sono solo 95 i Comuni in Puglia che hanno servizi dedicati alla gestione professionale dell'affido familiare, per sostenere i percorsi di crescita dei bambini e delle bambine in casi di disagio e difficoltà (il 36,8%), e per sostenere le famiglie affidatarie, anche se ad esempio il sostegno economico per le famiglie affidatarie è molto disomogeneo sul territorio regionale con contributi che vanno da un minimo di 30 euro mensili (Foggia) ad un massimo di 360 euro al mese (Bari).
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Diritti dell'infanzia, in Puglia un piccolo esercito di minori fuori famiglia

BariToday è in caricamento