menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giorno del ricordo, le iniziative per commemorare le vittime delle foibe

Seminario in Prefettura, mentre il sindaco Decaro deporrà una corona d'alloro in via Martiri delle Foibe. Al Villaggio Trieste sarà invece presentata l'iniziativa di un Comitato che intende chiedere il riconoscimento dell'Unesco per il quartiere, quale Patrimonio Mondiale dell'Umanità e luogo di memoria

Anche la città di Bari partecipa con una serie di iniziative al 'Giorno del Ricordo', celebrato in tutta Italia il 10 febbraio per commemorare tutte le vittime delle foibe e dell'esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra.

LA CERIMONIA CON IL SINDACO - Alle ore 9.30, in via Martiri delle Foibe, il sindaco Antonio Decaro deporrà una corona d'alloro, partecipando ad una breve cerimonia commemorativa.

SEMINARIO IN PREFETTURA - Nel Salone degli Specchi della Prefettura di Bari il Consiglio Regionale della Puglia e la prefettura di Bari, ricorderanno in un seminario storico le vicende del confine orientale nel secondo dopoguerra del ‘900, il dramma dell’esodo verso l’Italia e le vittime delle foibe. Apriranno i lavori il prefetto di Bari Carmela Pagano e il presidente del Consiglio pugliese Mario Loizzo.
All’incontro, realizzato a cura della Biblioteca del Consiglio “Teca del Mediterraneo” e dell’IPSAIC (Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea), saranno presenti studenti delle scuole superiori baresi e rappresentanti del Parlamento regionale dei Giovani.  Interverranno il direttore dell’IPSAIC, prof. Vito Antonio Leuzzi, la prof. Anna Gervasio e un testimone diretto dell’esilio dell’Istria, il prof. Dionisio Simone, docente di lettere classiche e scrittore.

VILLAGGIO TRIESTE PATRIMONIO UNESCO - Alle ore 11.00, presso l'istituto storico del Villaggio Trieste in via Pola 1, si terrà una conferenza stampa nel corso della quale saranno illustrate le iniziative del Comitato promotore "che richiederà - si legge in una nota - il riconoscimento dell'Unesco al Villaggio Trieste quale Patrimonio Mondiale dell'Umanità e luogo di memoria. Tale sito alla periferia di Bari è abitato in maggioranza da profughi italiani della II Guerra Mondiale che hanno dato vita ad una forma di pacifica e solidaristica convivenza nel rispetto delle diverse culture". Alla conferenza stampa interverranno Paolo Scagliarini, presidente del Comitato promotore, Filippo Melchiorre, vice presidente della Commissione Culture del Comune di Bari e alcuni esponenti politici.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento