menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allevare gli insetti, mestiere del futuro: Confindustria premia giovane studente di Bitonto

Michele Agostinacchio ha vinto il concorso 'Il lavoro del futuro' immaginando una figura imprenditoriale non ancora diffusa dalle nostre parti. Il riconoscimento è stato assegnato nel corso della 22ma giornata nazionale 'Orientagiovani'

Grilli, crisalidi e cavallette da sgranocchiare: in Asia è realtà da secoli, in Europa e in Italia forse nel prossimo futuro, viste le loro proprietà nutrizionali e la sostenibilità ambientale decisamente migliore rispetto agli allevamenti di carne. Una figura professionale immaginata da uno studente di Bitonto, Michele Agostinacchio, vincitore del concorso 'Il lavoro del Futuro' indetto dai Giovani imprenditori di Confindustria Bari e Bat, a cui hanno preso parte diversi Istituti Tecnici dell'Area Metropolitana.

Michele, alunno del 'Volta', ha illustrato, attraverso slide e grafici, l'efficacia di un mestiere probabilmente non inusuale negli anni a venire. Ieri, invece, si è svolta la giornata finale del concorso, a cui hanno preso parte 11 finalisti. L'evento era inserito nella 22ma giornata nazionale di Orientagiovani, organizzata proprio da Confindustria. TRa le menzioni speciali, anche altri 3 progetti: una scuola guida per droni, realizzata da Michele Volpe (anch'egli studente del 'Volta' di Bitonto), i mestieri legati all'e-sports, ovvero giocatore, allenatore, manager, arbitro e telecronista di campionati di videogiochi, pensati da Nicola delle Foglie ('Panetti-Pitagora' di Bari) e il manutetore-service 3D, teorizzato da Domenico Borracci ('Da Vinci-Maiorana' di Mola).  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento