Gravina, al via il piano comunale per la rimozione di amianto e rifiuti speciali

Palazzo di città finanzia l’operazione di pulizia e bonifica ambientale. L’assessore Divella: "Impegno mantenuto. Ora tocca ai cittadini"

Prende il via a Gravina la rimozione di amianto e rifiuti abbandonati sul territorio comunale. L'azione rientra nel piano varato dalla giunta municipale guidata dal sindaco Alesio Valente, adottato su proposta dell’assessore all’ambiente Christian Divella. Già da giorni l’Ufficio Ambiente, sotto il coordinamento del dirigente Michele Stasi, era all’opera per definire ogni dettaglio. "Adesso - informa una nota di Palazzo di Città - tutto è pronto: a breve uomini e mezzi entreranno in azione per ripulire le aree pubbliche di Gravina da amianto e pattume di ogni genere".

"Si traduce in concretezza un impegno da me preso nel corso dell’ultima seduta di consiglio comunale ed alla cui concretizzazione insieme al sindaco ed agli uffici abbiamo lavorato alacremente in queste ultime settimane", spiega nella nota l’assessore Divella. "In particolare, per quanto riguarda l’amianto – dice il delegato all’ambiente entrando nei dettagli – si è già proceduto ad individuare l’azienda specializzata che dovrà rimuovere e successivamente smaltire, presso discarica autorizzata, il pericoloso eternit. Gli interventi in programma, attraverso i quali si conta di rimuovere diverse tonnellate di materiale amiantato, inizieranno quanto prima, una volta definiti gli adempimenti contrattuali".

Nel frattempo, sarà bandita la gara per affidare i lavori "di rimozione, carico, trasporto e smaltimento di rifiuti di vario genere: inerti, ingombranti, plastica, vetro: già approvata la progettazione, non resta che attendere l’esito dell’indagine di mercato prima di far partire anche questa seconda fase dell’operazione», sottolinea l’assessore, prima di congedarsi con un invito: «Il Comune sta facendo la sua parte, e continuerà a farla, spingendo sul pedale della prevenzione e dell’educazione come su quello della repressione di ogni abuso in materia ambientale. Perché l’obiettivo della tutela dell’ambiente possa essere centrato, è tuttavia indispensabile ed essenziale la collaborazione dei cittadini: l’auspicio è che disinteresse, indifferenza ed a volte anche incuria cedano il passo ad una maggiore sensibilità. La città è di tutti. Chi la sporca, chi inquina, fa del male anche a se stesso e, soprattutto, ai propri figli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia undici nuovi casi: cinque contagi registrati nel Barese, i pazienti positivi salgono a 170

  • Coronavirus, salgono i nuovi contagi in Puglia: oggi sono 26, undici in provincia di Bari

  • Coronavirus, in Puglia obbligo di quarantena per chi rientra da Malta, Grecia e Spagna

  • Sei turisti del Lussemburgo in vacanza a Monopoli positivi al covid: il test prima di partire per la Puglia

  • Venti nuovi casi di covid in Puglia, nove nel Barese: "Cittadini rientrati da Grecia, Malta e Lombardia"

  • Sette nuovi casi di Coronavirus in Puglia (su oltre 2200 test): tre sono in provincia di Bari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento