Cronaca

Gravina, botte e maltrattamenti alla moglie: in manette 48enne

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri: avrebbe procurato numerose lesioni alla donna che, spaventata, non avrebbe mai avuto il coraggio di denunciare. L'ultimo episodio a novembre: trauma cranico e prognosi di 30 giorni

I carabinieri di Gravina in Puglia hanno arrestato un 48enne accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. L'uomo avrebbe picchiato per anni la moglie, la quale, terrorizzata, non avrebbe mai avuto il coraggio di denunciare. L'ultimo episodio si sarebbe verificato nei primi giorni di novembre: la donna sarebbe stata soccorsa dal figlio, il quale, tornato a casa, avrebbe trovato la madre sporca di sangue e con una grossa ferita al capo e il padre, non curante, davanti alla televisione.

In ospedale le furono riscontrati un trauma cranico, ferite ed escoriazioni al volto, agli arti e fratture chiuse di 4 costole, per una prognosi complessiva di 30 giorni. Gli investigatori hanno ricostruito la vicenda anche grazie alle testimonianze di parenti e vicini di casa: frequenti, sarebbero state, urla e grida di aiuto provenienti dall'abitazione. Il 48 enne è stato quindi condotto nel carcere di Gravina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gravina, botte e maltrattamenti alla moglie: in manette 48enne

BariToday è in caricamento