menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Grumonline

Foto Grumonline

Messa per il boss, la condanna del vescovo: "Grave scandalo". Celebrazione annullata a Grumo

Dopo l'intervento della Questura e la dura missiva di monsignor Cacucci, questa mattina la messa non si è tenuta: il parroco aveva fatto affiggere dei manifesti per invitare i cittadini a partecipare alla funzione in memoria del boss Rocco Sollecito, ucciso in Canada

Alla fine le porte della chiesa madre di Grumo sono rimaste chiuse. Niente messa alle sei in memoria del boss Rocco Sollecito, ucciso a maggio in Canada.

La celebrazione, peraltro 'pubblicizzata' attraverso dei manifesti in cui lo stesso parroco invitava la cittadinanza a partecipare, aveva provocato polemiche e indignazione. E l'intervento della Questura, che aveva ordinato che la funzione, inizialmente prevista per oggi alle 18.30, si svolgesse alle 6 mattina e in forma strettamente privata.

IL PARROCO: "ADDOLORATO, IL PAPA MI RICEVA"

A ciò si è aggiunta la dura lettera di condanna dell'Arcivescovo di Bari-Bitonto, monsignor Cacucci, che ha preso le distanze dall'iniziativa del parroco di Grumo, "presa peraltro in modo arbitrario e senza consultare l'Ordinario Diocesano", e ritenuta un "grave scandalo". Nella missiva, Cacucci ha richiamato la decisione del Questore, vietando esplicitamente al parroco, don Michele Delle Foglie, di celebrare la Santa Messa alle 18,30, non solo per le ragioni di sicurezza pubblica, ma anche per "tutelare - si legge nella lettera - la dignità della Sacra Celebrazione Eucaristica". 

Così, alla fine, la celebrazione è stata completamente annullata, e la chiesa è stata aperta soltanto alle sette, come di consueto.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento