Cronaca Grumo Appula

In giro con un'auto rubata e senza patente, scoperto dai carabinieri: sorvegliato speciale in manette

L'uomo, con obbligo di soggiorno a Binetto, doveva quotidianamente presentarsi in caserma a Grumo per l'apposizione della firma. Pedinandolo, i militari hanno accertato che, anziché far subito ritorno nel suo Comune, trascorreva le giornate a spasso, utilizzando anche una vettura rubata

Dopo essersi presentato in caserma per l'obbligo di firma, anziché fare ritorno a casa nel suo Comune ne approfittava per andare 'a spasso', spesso utilizzando anche un'auto risultata rubata (nonostante non fosse neppure in possesso di patente valida).

A scoprire e arrestare l'uomo, un 50enne di origini albanesi, pluripregiudicato e sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno a Binetto, sono stati i carabinieri della Compagnia di Modugno.

Il 50enne, volto noto alle forze dell’ordine, oltre a essere sottoposto alla sorveglianza speciale doveva presentarsi, quotidianamente, presso la Stazione Carabinieri di Grumo Appula per l’apposizione della firma, con il vincolo di percorrere la via più breve da Binetto a Grumo Appula, per poi far subito ritorno nel suo Comune. 

L'uomo generalmente arrivava in caserma a piedi, ma i carabinieri, hanno deciso di pedinarlo per verificare se, effettivamente, dopo l’apposizione della firma, tornasse nel comune di Binetto, a piedi o in bicicletta come era solito dire. I militari hanno così organizzato una serie di servizi in borghese, seguendo l'uomo a piedi o in bici. Così, la scoperta.

Una mattina, dopo aver firmato in caserma, il 50enne si è allontanato a piedi, raggiungendo un bar del centro cittadino per poi, a distanza dal comando Stazione, raggiungere un parcheggio dove alla guida di un’autovettura con targa straniera andava via facendo perdere le tracce. Una circostanza che si è ripetuta anche in seguito: in un caso, dopo l’apposizione della firma, il 50enne si è allontanato sempre a piedi, ma opportunamente pedinato a distanza è stato notato nuovamente raggiungere lo stesso parcheggio, dove alla guida della stessa auto si è allontanato in direzione Toritto anziché Binetto. Dopo il quarto episodio i carabinieri lo hanno bloccato contestandogli la violazione continuata delle prescrizioni imposte.

Le sorprese per i militari, però, non sono finite qui perché l'uomo, sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di un telefono cellulare, violando l’ulteriore prescrizione di non possedere strumenti di comunicazione. Inoltre, il 50enne, non era in possesso di patente valida (non avendo mai provveduto alla conversione di quella conseguita in Albania) e se ne andava in giro anche con un’auto rubata il 9 marzo 2020 a San Severo con una targa straniera  A questo punto il 50enne è stato arrestato e sottoposto agli arresti domiciliari, mentre si è proceduto al sequestro del telefono cellulare e dell’autovettura.

(foto di repertorio)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In giro con un'auto rubata e senza patente, scoperto dai carabinieri: sorvegliato speciale in manette

BariToday è in caricamento