Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Ignazio Petruzzella sorride dal cielo

Avete amato Molfetta nonostante qualche volta vi è mancato il suo affetto materno. Avete piantato a tanti chilometri di distanza il seme dell’amore per le vostre radici, nell’onestà profonda. Avete dimostrato di essere Italiani che parlano spagnolo come ebbe a dire il vostro vecchio Presidente Raul Alfonsin.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Sono passati tanti anni, circa trenta, e certi ricordi sono vivi nella mia memoria.

Leggo nel mio diario "Nato a … provincia di…" a casa Petruzzella (quella di Ignazio e quella di Corrado) siamo attesi e da tanto tempo, per consumare un boccone. C'è anche padre Leonardo, dehoniano, fratello della moglie di Ignazio.

Qui vive la cordialità nostrana, basta fissare con tenerezza il sorrido di Ignazio, denso di emozione, irrequieto come scintilla.

Spontaneo mi presento in dialetto, prima che il Vescovo don Tonino dica parola: grazie amici della semplicità della vostra ospitalità, grazie della sincerità del vostro affetto, grazie della vostra amicizia.

Avete amato Molfetta nonostante qualche volta vi è mancato il suo affetto materno.
Avete piantato a tanti chilometri di distanza il seme dell'amore per le vostre radici, nell'onestà profonda.
Avete dimostrato di essere Italiani che parlano spagnolo come ebbe a dire il vostro vecchio Presidente Raul Alfonsin.

Oggi, appena ricevuta la notizia della dipartita di Ignazio, saluto Corrado e tutta la famiglia Petruzzella con tanto affetto in questo momento di dolore.

E pensare che solo pochi giorni fa ammiravo in facebook il sorrido di Ignazio.

E' stata una cosa bellissima aver intrecciato un rapporto con voi, amici Petruzzella.

E' impossibile dimenticarvi. La nostra venuta, non fu una gita, un viaggio turistico. Venimmo per sentire le vostre ansie, le vostre sofferenze. Ne rimanemmo coinvolti. E' rimasto forte nel cuore la vostra fede cantata con "el Senor es mi pastor, nada me puede faltar".

Prego per Ignazio che continui a produrre sorrisi in paradiso e continui a distribuirli ai nostri in Argentina anche continuando a parlare in dialetto molfettese.

Commosso e riconoscente, pregherò per tutta la famiglia Petruzzella.

Don Giuseppe de Candia ( Padre Spirituale Molfettesi nel Mondo )

Direttore MIGRANTES PUGLIA

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ignazio Petruzzella sorride dal cielo

BariToday è in caricamento