menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Forniva documenti falsi a immigrati: condannato cittadino iracheno. E' anche indagato per terrorismo

Il 45enne Majid Muhamad è stato condannato a tre anni per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, ma è anche indagato a piede libero in un'inchiesta della Dda sul terrorismo internazionale di matrice islamica

E' stato condannato a tre anni e sei mesi di reclusione per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina il 45enne iracheno Majid Muhamad. Arrestato dalla polizia il 7 dicembre 2015, e attualmente detenuto nel penitenziario di massima sicurezza di Rossano Calabro, il 45enne, secondo quanto accertato dalla Dda di Bari, forniva documenti falsi e alloggio a decine di cittadini stranieri, provenienti da Pakistan, Egitto, Iran, Marocco e Turchia.

Majid Muhamad è tuttavia anche indagato a piede libero in un’altra inchiesta, ancora in corso, sul terrorismo internazionale di matrice islamica. Già processato e condannato per terrorismo quando viveva a Parma, ha scontato dieci anni di carcere, ma dalle indagini della Dda barese sarebbero emersi sospetti contatti con 'vecchie conoscenze': l'ipotesi, tuttora al vaglio degli inquirenti, è che il gruppo si stesse nuovamente organizzando per favorire l’ingresso di foreign fighters in Europa.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento