Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca

Bentornato Auditorium 'Nino Rota': il taglio del nastro mette fine a 26 anni di attesa

Galà d'apertura, questa sera, per celebrare l'inaugurazione della struttura chiusa dal 1991. Madrina della serata, la grande Carla Fracci. Sul palco l'orchestra sinfonica del Conservatorio

Il momento del taglio del nastro

Il taglio del nastro ha messo fine a 26 anni di attesa: è stato finalmente inaugurato il rinnovato Auditorium 'Nino Rota' del Conservatorio di Bari, chiuso dal 1991 e riaperto dopo un'infinita trafila di lungaggini burocratiche e lavori. La cerimonia di questa sera ha visto la partecipazione di una madrina d'eccezione, l'étoile Carla Fracci. Sul palco della grande sala da circa 720 posti, completamente ristrutturata e messa a norma con le più moderne tecnologie di costruzione, il maestro Giovanni pelliccia ha diretto l'orchestra sinfonica del Conservatorio che ha eseguito due 'gemme' dal repertorio del grande maestro Nino Rota, un estratto dalla 'Rappresentazione d'Adamo ed Eva' e la suite dal balletto de 'La Strada'.

Taglio del nastro con Decaro, Fracci e D'Onghia

Il nastro tricolore è stato tagliato dal sindaco metropolitano Antonio Decaro: "E' una serata storica - ha dichiarato. Riapriamo questo luogo meraviglioso destinato all'ascolto della musica, alla formazione, ai giovani talenti". In sala, oltre alla presidente del Conservatorio, Marida Dentamaro, le principali autorità locali. In rappresentanza del governo è intervenuta il sottosegretario all'Istruzione e alla Ricerca, Angela D'Onghia. Il rinnovato Auditorium potrà disporre di due sale (oltre alla grande anche una più piccola da 130 posti), un foyer e locali per le prove.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bentornato Auditorium 'Nino Rota': il taglio del nastro mette fine a 26 anni di attesa

BariToday è in caricamento