Domenica, 21 Luglio 2024

Al San Paolo nasce la prima Casa del sorriso in Italia per i bambini a rischio devianza: Amadeus ospite (a distanza) dell'inaugurazione

Per l'occasione i ragazzi seguiti dalla Fondazione Giovanni Paolo II hanno preso parte a una finta puntata de 'I soliti ignoti', lo show condotto dal celebre volto televisivo: "Spero che questo sia il punto di partenza per realizzare i vostri sogni"

Una finta puntata de 'I soliti ignoti', popolare show in onda su Rai 1, per inaugurare la Casa del sorriso nel quartiere San Paolo. Un'idea originale per salutare un ospite speciale, intervenuto, seppur a distanza, all'apertura del centro per i bambini a rischio devianza sociale: Amadeus. Il centro ha aperto le porte nel pomeriggio all'interno della sede della Fondazione Giovanni Paolo II, che ha curato l'iniziativa con il Cesvi. Un luogo, come racconta a BariToday il vice direttore della Fondazione Cesvi, che ha l'obiettivo di "rafforzare i servizi per i bambini e le famiglie, stimolandoli per fargli ambire un futuro migliore, in cui possano emanciparsi dalla condizione economica e sociale in cui si trovano in questo momento". Si tratta della prima 'Casa del sorriso inaugurata a livello nazionale, a cui seguiranno più avanti quelle di Napoli e Siracusa nel Mezzogiorno. L'idea della Fondazione è però quella di esportare l'idea in tutti i grandi comuni italiani che possano aver bisogno di servizi come questo. 

Il progetto della Casa del sorriso

L'iniziativa è partita a pochi giorni dalla Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (il 20 novembre), che riconosce bambine e bambini come titolari di diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici. Padrino d’eccezione il presentatore televisivo, dopo che gli ospiti della trasmissione ‘I soliti ignoti’ da lui condotta su Rai1 hanno destinato l’incasso delle vincite di dicembre 2021 e della prima settimana di gennaio 2022 ai progetti di Fondazione Cesvi contro la povertà e il maltrattamento infantile nel nostro Paese. Grazie agli oltre 500mila euro raccolti dal game show, l’organizzazione umanitaria ha intensificato le attività di prevenzione e contrasto di povertà educativa, trascuratezza e abusi, portando anche in Italia il modello delle sue strutture già presenti in altre zone del mondo, che offrono accoglienza, sostegno e servizi per i bambini e le loro famiglie. 

La Casa del Sorriso di Bari si trova nel quartiere San Paolo e accoglie i minori e le famiglie vulnerabili dell’area. Fondazione CESVI vi opera con la Fondazione Giovanni Paolo II Onlus, in uno spazio multifunzionale che concilia attività di sostegno psicologico, ascolto e orientamento, di supporto alla genitorialità, proposte sportive e ludiche, contrasto alla povertà educativa. Per rafforzare lo sviluppo e il miglioramento delle competenze di bambine e bambini, vengono proposte attività di psicomotricità e avviamento allo sport, laboratori educativi, espressivi e ricreativi, percorsi di prevenzione e informazione. Le azioni sono condotte grazie al lavoro di psicologi, assistenti sociali ed educatori, al partner locale Fondazione Giovanni Paolo II nonché con il coinvolgimento della comunità locale, per aumentare la consapevolezza e diffondere buone pratiche. 

Video popolari

BariToday è in caricamento