Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Via delle Dalie, 5

Inaugurato lo sportello di Porta Futuro nel Consorzio Asi: "Il job center è ancora più vicino alle imprese"

Cerimonia nella sede del Consorzio nella zona industriale. Due gli obiettivi: offrire informazioni utili e servizi di consulenza alle imprese già esistenti o nascenti e mappare le esigenze formative

Inaugurato lo sportello di Porta Futuro nei locali del Consorzio Asi di Bari. Un presidio che si aggiunge al job center del Comune di Bari nei locali dell'ex Manifattura Tabacchi, che ad oggi conta quasi 14 mila utenti iscritti e oltre 20 mila cittadini profilati. Solo nel 2020 sono state pubblicate 254 offerte di lavoro, selezionati 2.217 curriculum vitae e organizzati quasi 600 colloqui di lavoro che hanno permesso a 123 cittadini di trovare impiego.

Alla cerimonia nella sala Convegni del Consorzio Asi, hanno partecipato il sindaco di Bari, Antonio Decaro, il vicesindaco e assessore al Lavoro Eugenio Di Sciascio e il direttore del Consorzio ASI Paolo Pate. Il nuovo sportello di Porta Futuro Bari promuove servizi integrati di accoglienza, formazione e orientamento al lavoro e matchmaking tra opportunità e offerte di lavoro delle imprese insediate o intenzionate ad insediarsi sul territorio. L’obiettivo è quello di offrire informazioni utili e servizi di consulenza alle imprese già esistenti o nascenti, con una expertise precisa in servizi come preselezione del personale (gli operatori di Porta futuro Bari, esperti di politiche attive del lavoro, intercettano e rilevano il fabbisogno occupazionale delle aziende collegate al Consorzio ASI, gestendo la fase di job profiling, di ricerca e selezione) e mappatura di esigenze formative (Porta Futuro Bari ha l’obiettivo di promuovere l’employability del personale delle aziende aderenti al Consorzio ASI, attraverso il miglioramento delle competenze professionali, nonché di gestire percorsi formativi rivolti a una platea giovanile da avviare al lavoro, in funzione delle richieste del mercato).

Lo sportello di Porta Futuro Bari sarà attivo il martedì e il giovedì mattina dalle 9:30 alle 13:30 presso il Consorzio ASI in via delle Dalie 5, nella Zona Industriale. Per ulteriori informazioni è possibile contattare gli operatori dello sportello ai numeri 080.9641624 - 080.9641604 cell. 333.6146913 o inviare una mail all’indirizzo info@portafuturobari.it.

"Se nel primo mandato ci siamo concentrati sulla creazione di strutture e servizi, in questo nuovo corso ci dobbiamo occupare di metterli in rete tra loro in modo da renderli efficaci - spiega il sindaco Antonio Decaro - Lo sportello di Porta Futuro all’interno della sede del Consorzio Asi crea un ponte diretto tra il mondo della produzione e quello del lavoro, secondo il modello avviato nell’ex Manifattura Tabacchi, dove l’avvio di Porta Futuro 1 ha rappresentato l’avamposto di un polo dedicato all’innovazione, alle start up, alla ricerca e al sistema impresa che si consoliderà con l’apertura di Porta Futuro 2 e con la realizzazione della nuova sede del Cnr, per la quale solo qualche giorno fa sono iniziati i lavori. Questo è il lavoro frutto di una fase di ascolto che è durata anche diversi anni e che ha ribaltato il punto di osservazione dal quale far partire le nuove politiche. Siamo infatti partiti dalle richieste e dalle esigenze delle imprese che hanno scelto di collaborare e provare insieme a noi a cambiare in meglio la loro prospettiva. Oggi, grazie a questa sinergia, creiamo un interlocutore unico di servizi e opportunità per il mondo del lavoro tutto partendo da una grande consapevolezza: siamo una delle aree industriali più importanti del nostro Paese, seconda sul versante adriatico, dopo quella di Venezia. Questo è merito quasi esclusivo degli imprenditori  che con capacità e determinazione sui sono insediati sul territorio. Secondo gli ultimi dati dell’Istat ques’area conta circa 1100 azienda, di cui la maggior parte sono a carattere industriale di caratura nazionale, internazionale e locale. Insieme rappresentano una forza occupazionale di circa 11.000 persone tra operai tecnici e dirigenti d’azienda. Le attività industriali dell’area metropolitana di Bari tutta rappresentano oggi uan parte consistente del PIL regionale senza considerare poi l’indotto, dai trasporti alla logistica. In questo contesto si inserisce il lavoro che come il Comune di Bari, la Città metropolitana, la Regione Puglia e l’ASI stanno portando avanti attraverso il masterplan della zona industriale che sta di fatto trovando compimento sia attraverso importanti finanziamenti pubblici (33 milioni di euro), sia grazie ad interventi privati, penso solo alla super fibra di OpenFiber e ai lavori di Enel per la stabilizzazione dei flussi di corrente. Dal canto nostro stiamo invece continuando a lavorare sull’infrastrutturazione materiale e immateriale: rifacimento di strade e svincoli nei pressi di alcune aziende, la sistemazione della lama,  la realizzazione di un asilo per le famiglie che lavorano nelle aziende insediate in quest’area, fino ai nuovi collegamenti: molto importante è il progetto della Camionale, in fase di progettazione e già interamente finanziata, che rappresenterà una svolta molto importante per l’attrattività dell’area industriale. Ancora tra le novità più importanti di questo nuovo anno, per la sede del Consorzio Asi, oltre allo sportello di Porta futuro, qui arriverà anche la casa delle Tecnologie. Un progetto che abbiamo candidato ad un bando ministeriale e che è stato finanziato, solo per 5 città in Italia. Bari non solo è tra queste ma si è anche classificata al terzo posto.  Abbiamo ricevuto dal ministero circa sei milioni di euro per l’implementazione e ora proprio in questi locali siamo pronti a partire”. 

“Porta Futuro rappresenta sempre più una realtà importante nel territorio barese - prosegue Eugenio Di Sciascio - un luogo dove si possono creare opportunità e far crescere le possibilità di occupazione. L’attenzione che le imprese mostrano alle attività di Porta Futuro è una testimonianza dell’efficacia del lavoro svolto in questi anni. Oggi, con l’apertura del nuovo sportello presso il Consorzio ASI, intendiamo portare sempre più vicino alle imprese Porta Futuro, per incrementare ulteriormente le opportunità di interazione affinché Porta Futuro possa rappresentare sempre di più un’interfaccia avanzata di matchmaking fra chi cerca lavoro e chi lo offre. Proprio in questo periodo di difficoltà, è fondamentale creare nuove opportunità in questo senso”.

“Questo è un risultato molto importante - precisa Paolo Pate -perché creare sinergie con altri stakeholders come il Comune di Bari, la Città metropolitana o l’Università nell’ambito di una rete interistituzionale, significa attivare collaborazioni qualificate in grado di supportare sempre più lo sviluppo industriale nel nostro territorio. Ci sono infatti oltre 1.000 aziende insediate nell’area industriale che comprende l’agglomerato di Bari, Modugno e Molfetta. Il nostro scopo sarà accorciare le distanze e avvicinare la domanda e l’offerta di lavoro per riuscire a supportare le aziende anche nelle politiche occupazionali, che rappresentano una delle attività più importanti nell’ambito del nostro Consorzio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato lo sportello di Porta Futuro nel Consorzio Asi: "Il job center è ancora più vicino alle imprese"

BariToday è in caricamento