menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abbandonava in campagna rifiuti vegetali che poi venivano bruciati: nei guai imprenditore

L'episodio è avvenuto nell'area di Ruvo: a incastrare l'uomo è stato il ritrovamento di un paraschizzi nel terreno poi sequestrato

A fare luce sull'abbandono di rifiuti vegetali - poi bruciati - nell'agro di Ruvo, è stato un pezzo di 'paraschizzi' posteriore di un'auto. I militari della Stazione carabinieri Parco di Ruvo li hanno trovati durante un sopralluogo nella località 'Fontanelle', in cui erano stati segnalati diversi incendi di foglie fresce di ulivo. Il pezzo di paraschizzi apparteneva al veicolo utilizzato per trasportare i rifiuti, rinvenuto all'interno di una nota cooperativa locale di trasformazione di olive. Si è poi scoperta la totale estraneità ai fatti del proprietario del terreno.

Il proprietario, presidente del consiglio di amministrazione della cooperativa, ha ammesso ai militari di aver scaricato i materiali di scarto vegetale nel terreno, ma non di averli successivamente bruciati. L'uomo è stato quindi denunciato per il reato di abbandono rifiuti, essendo il fogliame "rifiuto illecitamente abbandonato e smaltito, e non sottoprodotto avviato al riutilizzo" spiegano dalla Forestale. Sono poi scattati i sigilli anche ai 1,5 ettari di terreno in cui si consumavano i roghi e l'auto usata per il trasporto. Si cerca ora il responsabile degli incendi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Nuova arma contro il Coronavirus, farmaco già in uso efficace contro l'infezione Sars-CoV-2: è la ricerca dell'Università degli Studi di Bari

Salute

Una proteina prodotta dal nostro organismo è in grado di combattere i tumori al fegato: la scoperta dell’Irccs de Bellis di Castellana

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento