Incendio al Nero Perla Cafè, indagati i titolari: "Appiccarono il fuoco per incassare l'assicurazione"

Le indagini condotte dalla Squadra Mobile: dietro le fiamme che lo scorso 30 dicembre distrussero il locale di via Cifarelli, non ci sarebbe il racket delle estorsioni, ma di un tentativo di truffa messo in atto dai due proprietari

Il bar devastato dall'incendio

Non si sarebbe trattato di un'intimidazione, di una minaccia legata a richieste estorsive, ma di un rogo appiccato dagli stessi titolari del bar nel tentativo di riscuotere il premio assicurativo. E' quanto emerso dalle indagini condotte dalla Squadra Mobile di Bari sul rogo che la notte dello scorso 30 dicembre distrusse il 'Nero Perla Cafè' di via Cifarelli, provocando l’esplosione delle serrande e delle vetrate del locale.

Nei giorni scorsi la polizia ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari e contestuale avviso di garanzia, emesso dalla Procura della Repubblica di Bari, nei confronti dei due titolari, due fratelli di 32 e di 30 anni.

Le indagini - condotte attraverso l'ascolto di potenziali testimoni, i rilievi tecnico-scientifici da parte dei Vigili del Fuoco e della Polizia Scientifica, l’acquisizione di immagini di telecamere della zona - in un primo momento erano volte ad accertare se si fosse trattato di un episodio legato al racket delle estorsioni, ma avrebbero poi svelato una realtà del tutto differente. Secondo quanto accertato dalla polizia, il movente dell’incendio era da attribuire alla riscossione di cospicui premi assicurativi. I titolari del bar, infatti, avevano stipulato nei mesi precedenti due polizze con due differenti compagnie assicurative: una in particolare era stata stipulata nel 2014, nonostante il bar fosse attivo già dal 2011. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dall'attività investigativa sarebbero inoltre emersi rapporti tra i due fratelli - uno dei quali con precedenti di polizia per droga - e soggetti appartenenti ai clan “Mercante” e “Di Cosola”, che potrebbero essere stati direttamente coinvolti nell’organizzazione dell’incendio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparse da ieri a Bari: ritrovate le due ragazzine di 15 anni

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Uccide fidanzato della ex, accoltella la ragazza e il padre della vittima. arrestato 26enne a Bitetto

  • Pestato brutalmente per strada, morto dopo due giorni di agonia in ospedale. arrestato pregiudicato al San Paolo

  • Scomparse due ragazzine baresi di 15 anni, l'appello: "Non abbiamo più notizie di Asia e Chiara"

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento