menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incendio distrugge ex Ancora a Palese, sopralluogo del Comune: "Atto ignobile, ma andremo avanti"

L'assessore allo Sviluppo economico Palone e il neopresidente del Municipio V Brandi sul posto per verificare i danni alla struttura. Si attendono gli esiti sull'agibilità, ma il messaggio è chiaro: "Politiche di riqualificazione procederanno"

Si attende di conoscere con esattezza l'entità dei danni e gli esiti degli accertamenti sull'agibilità della struttura, ma l'ex Ancora, sul litorale di Palese, non resterà abbandonata. Il messaggio lanciato dall'amministrazione comunale, all'indomani dell'incendio che ha distrutto l'ex ristorante, è chiaro: il processo di riqualificazione non si ferma.

Questa mattina l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone, accompagnata dal neoeletto presidente del Municipio V Vincenzo Brandi, ha effettuato un sopralluogo. Soltanto poche settimane fa, era scaduta la gara del Comune che avrebbe portato l'assegnazione della struttura ad un soggetto privato, per un progetto di riqualificazione e gestione. Ma nella notte tra sabato e domenica l'ex ristorante è andato a fuoco.

ex Ancora 1-1-2

"Questa mattina ho voluto verificare di persona le condizioni della struttura sul litorale di Palese – spiega Carla Palone –. Per questo, nel rispetto delle indagini in corso, insieme al presidente Brandi abbiamo voluto recarci sul posto in attesa dell’esito delle perizie che si stanno conducendo, al cui esito sapremo se l’edificio è ancora agibile. Con grande amarezza abbiamo constatato le condizioni in cui l’incendio ha ridotto un luogo che per i palesini è stato per decenni un punto di riferimento e che l’amministrazione comunale intendeva portare a nuova vita. Come è noto, infatti, era scaduta qualche settimana fa la procedura che offriva a soggetti privati la possibilità di proporre un progetto di riqualificazione e gestione del sito con la finalità di renderlo una risorsa economica a vantaggio del territorio. Ora attenderemo gli sviluppi delle procedure e valuteremo il da farsi, convinti di procedere comunque con le politiche di riqualificazione di tutte le strutture sul litorale, perché Bari merita di tornare a vivere pienamente il suo mare".

"Nessun ignobile atto vandalico o doloso potrà mai impedire a questa amministrazione municipale di perseguire, di concerto con l’amministrazione comunale, l’obiettivo di riqualificare i beni del patrimonio cittadino e demaniale restituendoli alla comunità – prosegue Vincenzo Brandi -. La nostra costa è meravigliosa e merita tutto il nostro impegno. Spero che il responsabile venga assicurato presto alla giustizia e che questo sia di monito per chiunque creda di poter decidere per i cittadini onesti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento