Cronaca San Paolo / Viale Lazio

Il giorno dopo l'incendio al mercato coperto del San Paolo, gli operatori preoccupati: "Vogliamo riprendere a lavorare"

Stamane è stata la volta dei sopralluoghi degli assessori al Commercio e ai Lavori Pubblici, Carla Palone e Giuseppe Galasso che hanno effettuato una visita assieme ai tecnici e al personale della Polizia Locale. Indagano i Carabinieri

"Siamo preoccupati e temiamo di non poter riprendere la nostra attività al più presto": il giorno dopo l'incendio che ha colpito una parte del mercato coperto di viale Lazio, nel quartiere San Paolo, gli operatori contano i danni e cercano di ripartire. Le fiamme hanno distrutto due locali di una macelleria, annerito gli interni della struttura e danneggiato parte degli impianti. L'edificio è inagibile e servirà circa 1 settimana di stop per gli operatori. Il rogo, ieri sera, era stato subito notato dai residenti e spento grazie all'intervento dei Vigili del Fuoco: "Pensavamo fossero andati a fuoco dei cassonetti - racconta un'anziana -. Evidentemente non era così. Il fumo e le fiamme si vedevano da grande distanza".

I sopralluoghi di Comune, Polizia Locale e Carabinieri

Stamane è stata la volta dei sopralluoghi degli assessori al Commercio e ai Lavori Pubblici, Carla Palone e Giuseppe Galasso che hanno effettuato una visita assieme ai tecnici e al personale della Polizia Locale con il Comandante Michele Palumbo. Sulla vicenda indagano i Carabinieri che nelle scorse ore hanno effettuato i rilievi. La pista, al momento, più accreditata, è quella del corto circuito, come confermato dall'assessore Palone: "Per ora il problema riguarda gli operatori che non possono lavorare nella struttura inagibile. i tecnici stanno predisponendo l'ordinanza per i lavori da fare e una determina dirigenziale per consentire ai commercianti di lavorare all'esterno".

"Mercato salvato dal soffitto antincendio"

Più precisamente, i circa 20 negozianti potranno continuare la vendita sotto il porticato della struttura, come spiegato dall'assessore Galasso: "Ci stiamo preoccupando - dice - di dare un'organizzazione degli spazi che permetta di ridurre al minimo i disagi. L'obiettivo è spostare sotto il portico le attività che necessitano di un'induzione elettrica, con una derivazione dell'impianto all'esterno. Per metà della settimana prossima, verso mercoledì, potremo rimettere in funzione il mercato, seppur in maniera transitoria". La presenza dei pannelli antincendio potrebbe aver salvato la struttura: "La controsoffittatura 'rei' - aggiunge Galasso - ha assolto alla sua funzione ma adesso non ha più la certificazione e dovrà essere sostituita. Non vi sono, fortunatamente, danni strutturali. Controlleremo la parte degli impianti distrutta per poi sostituirla, quindi servirà ritinteggiare gli interni". Al momento non vi è stima dei danni (che potrebbero ammontare a diverse decine di migliaia di euro) nè dei tempi di ripristino del mercato.

Gli ambulanti: "Struttura fatiscente"

Una condizione inevitabile che preoccupa i titolari dei box: "Questa - spiegano - è una struttura già inadeguata e troppo vecchia, con vari problemi, anche d'igiene. E' vero, abbiamo i nostri clienti che vengono da fuori, ma parecchia gente preferisce non venire qui, proprio perché si tratta di un mercato vecchio. Paghiamo per l'affitto dei box ma non abbiamo servizi adeguati. Saremmo disposti anche a spendere di più ma vorremmo un mercato migliore. Ci sentiamo mortificati". In attesa del ripristino, seppur parziale, delle attività, qualcuno si è già organizzato spostando casse di merce e tavoli all'esterno, per proseguire la vendita e non perdere giorni preziosi in vista delle ultime festività: "Torneremo allo stesso punto di anni fa - spiega amereggiata una commerciante -. quando eravamo fuori al freddo e con disagi. L'auspicio è che questa condizione non duri per troppo tempo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giorno dopo l'incendio al mercato coperto del San Paolo, gli operatori preoccupati: "Vogliamo riprendere a lavorare"

BariToday è in caricamento