Rifiuti bruciati per ricavare ferro: scatta sequestro nelle campagne di Adelfia, quattro denunce

L'operazione, condotta dai carabinieri Forestali e coordinata dalla Procura, ha messo in luce una "attività sistematica e reiterata": i rifiuti, illecitamente smaltiti, venivano incendiati per recuperare il materiale ferroso

Foto di repertorio

I rifiuti, trasportati e abbandonati nelle campagne, venivano poi incendiati per ricavare materiale ferroso, che veniva poi recuperato e portato via. Una "attività sistematica ed organizzata", quella scoperta dai carabinieri forestali nelle campagne in località Parco Rondinella, ad Adelfia. 

Denunce e sequestri

L'operazione, coordinata dalla Procura di Bari e denominata 'Smoky Sky', ha portato alla denuncia di quattro persone fisiche, insieme ad una persona giuridica, e al sequestro di due terreni e di vari automezzi. I provvedimenti sono stati disposti dal GIP di Bari, su richiesta della Procura, in seguito alle indagini condotte dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Bari. Per tutti l’accusa è di concorso in attività illecita, in quanto non autorizzata, di raccolta, trasporto, nonché smaltimento sul suolo di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, attraverso la bruciatura degli stessi ed illecito riutilizzo del materiale ferroso residuale della combustione. I provvedimenti sono stati eseguiti con la collaborazione dei militari delle Stazioni Carabinieri Forestali di Bari, Cassano Murge e Monopoli.  

L'avvio delle indagini: i roghi nelle campagne

Le indagini, avviate dopo un'iniziale segnalazione del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bari - spiega una nota della Procura - sono state condotte dalla Polizia giudiziaria dell’Arma Forestale per diversi mesi anche mediante l’impiego di rilievi video-fotografici. E' così emersa quella che viene definita una "attività sistematica ed organizzata" da parte di due delle persone denunciate. Nelle aree sequestrate - hanno ricostruito gli investigatori - venivano abbandonati i rifiuti e depositato il materiale ferroso  ricavato dalla combustione. I rifiuti ivi giungevano trasportati con i mezzi sottoposti a sequestro, mentre il materiale ferroso veniva successivamente prelevato e trasportato su un autocarro  intestato a società esercente lavorazione e riciclaggio di cascami e rottami metallici. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le misure di sequestro disposte - spiegano dalla Procura - "sono finalizzate, oltre che alla confisca obbligatoria ex lege  di parte dei beni sequestrati, a impedire la prosecuzione dei reati in itinere nonché il perseguimento di vantaggi economici da parte degli autori". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mamma e figlio rischiano di annegare per il mare agitato: militare barese si getta in acqua e li salva

  • 2000 euro a 60mila pugliesi: 'Start' dalla Regione a partite iva, lavoratori autonomi e professionisti a basso reddito

  • Lutto nel mondo dello spettacolo: addio a Teodosio Barresi, protagonista de LaCapaGira

  • Al ristorante e in auto, stop al distanziamento per congiunti e 'frequentatori abituali': la Regione allenta le restrizioni

  • Quattro nuovi casi di Coronavirus in Puglia: uno è nel Barese. Nessun decesso, scende ancora il numero dei positivi

  • Sfrecciano con l'auto sulla Statale 16: nel bagagliaio un monopattino del Comune di Bari, quattro denunciati per furto

Torna su
BariToday è in caricamento