Rifiuti bruciati per ricavare ferro: scatta sequestro nelle campagne di Adelfia, quattro denunce

L'operazione, condotta dai carabinieri Forestali e coordinata dalla Procura, ha messo in luce una "attività sistematica e reiterata": i rifiuti, illecitamente smaltiti, venivano incendiati per recuperare il materiale ferroso

Foto di repertorio

I rifiuti, trasportati e abbandonati nelle campagne, venivano poi incendiati per ricavare materiale ferroso, che veniva poi recuperato e portato via. Una "attività sistematica ed organizzata", quella scoperta dai carabinieri forestali nelle campagne in località Parco Rondinella, ad Adelfia. 

Denunce e sequestri

L'operazione, coordinata dalla Procura di Bari e denominata 'Smoky Sky', ha portato alla denuncia di quattro persone fisiche, insieme ad una persona giuridica, e al sequestro di due terreni e di vari automezzi. I provvedimenti sono stati disposti dal GIP di Bari, su richiesta della Procura, in seguito alle indagini condotte dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Bari. Per tutti l’accusa è di concorso in attività illecita, in quanto non autorizzata, di raccolta, trasporto, nonché smaltimento sul suolo di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, attraverso la bruciatura degli stessi ed illecito riutilizzo del materiale ferroso residuale della combustione. I provvedimenti sono stati eseguiti con la collaborazione dei militari delle Stazioni Carabinieri Forestali di Bari, Cassano Murge e Monopoli.  

L'avvio delle indagini: i roghi nelle campagne

Le indagini, avviate dopo un'iniziale segnalazione del Nucleo Elicotteri Carabinieri di Bari - spiega una nota della Procura - sono state condotte dalla Polizia giudiziaria dell’Arma Forestale per diversi mesi anche mediante l’impiego di rilievi video-fotografici. E' così emersa quella che viene definita una "attività sistematica ed organizzata" da parte di due delle persone denunciate. Nelle aree sequestrate - hanno ricostruito gli investigatori - venivano abbandonati i rifiuti e depositato il materiale ferroso  ricavato dalla combustione. I rifiuti ivi giungevano trasportati con i mezzi sottoposti a sequestro, mentre il materiale ferroso veniva successivamente prelevato e trasportato su un autocarro  intestato a società esercente lavorazione e riciclaggio di cascami e rottami metallici. 

Le misure di sequestro disposte - spiegano dalla Procura - "sono finalizzate, oltre che alla confisca obbligatoria ex lege  di parte dei beni sequestrati, a impedire la prosecuzione dei reati in itinere nonché il perseguimento di vantaggi economici da parte degli autori". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grave incidente tra due auto: morti un uomo e una donna. Deceduto anche il loro cagnolino

  • Blitz della Finanza a Bari, raffica di arresti e sequestri: smantellato traffico di armi e droga dall'Albania

  • Alla guida senza patente e con addosso eroina, non si ferma all'alt della polizia: inseguimento da film in Tangenziale

  • Traffico di droga e armi dall'Albania, quindici arresti a Bari: i nomi

  • Fulmine colpisce aereo Ryanair, odissea per i passeggeri del Bari-Londra: partiti con 10 ore di ritardo

  • Le orecchiette di Bari vecchia finiscono sul New York Times: in prima pagina il "crimine della pasta"

Torna su
BariToday è in caricamento