Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Incendio in stazione a Bologna: circolazione in tilt, treni in ritardo

Il rogo doloso appiccato sulla linea dell'Alta Velocità, in località Santa Viola, alle porte della stazione centrale di Bologna, sta provocando ritardi a catena e disagi per i passeggeri

Ritardi a catena e disagi per i passeggeri che in questa giornata prefestiva devono muoversi utilizzando il treno. Tra questi, anche i tanti pugliesi residenti in altre città, come Bologna, Milano e Roma, in cui in questo momento si stanno registrando i ritardi maggiori.

L'INCENDIO - A provocare i disagi, un incendio doloso appiccato intorno alle 4 in corrispondenza della località Santa Viola, alle porte della stazione centrale di Bologna. Un piccolo rogo che ha bruciato alcuni cavi elettrici, senza provocare feriti ma molti disagi, mandando in tilt il traffico ferroviario, visto che la stazione di Bologna rappresenta un punto di snodo essenziale per la circolazione dei treni. (Tutti gli aggiornamenti sul sito di Trenitalia)

LE LINEE COINVOLTE - In particolare, i disservizi riguardano le linee Bologna–Milano AV, quelle convenzionali Bologna – Piacenza, Bologna – Verona e, solo nella fase iniziale, Bologna – Porretta, con cancellazioni e ritardi fino a 120 minuti. I treni regionali della linea convenzionale Bologna – Piacenza sono attestati nella stazione di Bologna Arcoveggio, quelli a lunga percorrenza diretti sulla linea Adriatica fermano nella stazione di San Lazzaro. "Dalle 7.30  -informa Trenitalia - è in parziale ripresa il traffico fra Bologna e Milano (AV) e fra Bologna e Verona, linea convenzionale, con allungamenti di percorrenza fino a 60 minuti".

IPOTESI SABOTAGGIO NO TAV - Non lontano dal posto dell'incendio sono state trovate varie scritte 'No Tav' con la bomboletta, nei pressi della stazione di Santa Viola. il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi parla apertamente di 'Atto terroristico'.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio in stazione a Bologna: circolazione in tilt, treni in ritardo

BariToday è in caricamento