Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

Popolare di Bari, inchiesta su presunta truffa da otto milioni di euro: 88 indagati

Notificati gli avvisi di conclusione delle indagini nei confronti di ex vertici e responsabili delle filiali della banca. Gli accertamenti scaturiti da querele presentate da clienti che sarebbero stati indotti all'acquisto di prodotti finanziari 'illiquidi' o ad alto rischio

Sono in tutto 88 i soggetti indagati nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Bari sulla Banca Popolare di Bari, relativa a una presunta truffa per  un importo di oltre 8 milioni di euro. I finanzieri del Comando provinciale di Bari stanno procedendo in queste ore alla notifica degli avvisi di conclusione delle indagini preliminari, nei confronti degli organi di vertice protempore della Banca Popolare di Bari e dei responsabili delle filiali dell’istituto di credito.

Le persone destinatarie del provvedimento, come detto, sono indagate, in concorso tra loro, in relazione alle loro rispettive funzioni, per l’ipotesi delittuosa di truffa, per un importo complessivo di oltre 8 milioni di euro.

L’odierna operazione costituisce la conclusione di un'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica e delegata al Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Bari, scaturita dalle querele presentate nel tempo da 176 persone che, secondo quanto riscotruito dagli investigatori, sarebbero state "indotte, mediante artifizi e raggiri, nonché approfittando della particolare situazione di vulnerabilità, all’acquisto di prodotti finanziari c.d. “illiquidi” e ad elevata rischiosità emessi dal predetto istituto bancario". I fatti contestati si riferirebbero al periodo 2014-2015.

In particolare, le indagini avrebbero permesso finora di accertare che "gli indagati non avrebbero fornito agli investitori notizie appropriate per effettuare consapevolmente le proprie scelte di investimento".

Nel dettaglio, secondo le accuse, "gli artifizi posti in essere - in violazione delle disposizioni in materia di intermediazione finanziaria, anche di natura regolamentare emanate dalla CONSOB (Autorità nazionale per la vigilanza dei mercati finanziari) - sono consistiti, tra gli altri, nella: manipolazione del questionario di profilatura del rischio, con la finalità di porre le basi per la successiva collocazione di strumenti finanziari evidentemente inadeguati alle caratteristiche personali e agli obiettivi della persona offesa; omissione della: raccolta di tutte le informazioni necessarie ai fini della valutazione dell’adeguatezza dello strumento finanziario da collocare in relazione all’esperienza, alla conoscenza e agli obiettivi di investimento della clientela; consegna a quest’ultima, al momento dell’esecuzione degli ordini, di tutta la documentazione prevista dalla legge; comunicazione di una adeguata informazione sulla natura illiquida e particolarmente rischiosa del titolo, non negoziato su mercati regolamentati e caratterizzato da un’alea, che doveva essere specificatamente rappresentata; predisposizione e utilizzo di un modello di questionario di profilatura dei clienti che agevolava l’attribuzione all’investitore di un profilo di rischio sintetico medio/medio-alto, adeguato al collocamento di azioni proprie della Banca Popolare di Bari; attribuzione fraudolenta ai predetti strumenti finanziari di un livello di rischio sintetico minore rispetto a quello attribuito alle azioni, quotate e non quotate, di banche terze, al fine di manipolare la valutazione di adeguatezza/appropriatezza delle operazioni di investimento dei clienti; indicazione nel prospetto di vendita degli strumenti finanziari di informazioni poco chiare sui fattori di rischio degli stessi; attuazione di procedure inadeguate finalizzate alla trattazione degli ordini di vendita in palese violazione della parità dei soci con conseguente impossibilità di vendere le azioni stesse nel momento in cui vi era la possibilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Popolare di Bari, inchiesta su presunta truffa da otto milioni di euro: 88 indagati
BariToday è in caricamento