Residenze sanitarie per anziani diventate focolai da Covid, la Procura apre un'inchiesta per quattro strutture nel Barese

Il fascicolo al momento non vede indagati né ipotesi di reato. Perquisizioni in corso anche negli uffici della Asl di Bari

Le autorità indagano sulle residenze per anziani nel territorio della provincia barese, strutture in cui si sono verificati decessi e decine di contagi di Coronavirus. A disporre l'indagine esplorativa - coordinata dal procuratore aggiunto Roberto Rossi - è stata la Procura di Bari, che al momento non vede né indagati né ipotesi di reato.

Contagi da Covid nella residenza per anziani a Bari

In queste ore i carabinieri del Nas stanno effettuando gli accertamenti i quattro strutture sanitarie e negli uffici della Asl di Bari (incaricata dei tamponi), acquisendo la documentazione. Le rsa prese in esame al momento sono il centro per anziani Don Guanella e la Rssa Villa Giovanna di Bari, il centro Nuova Fenice di Noicattaro e il centro di riabilitazione Giovanni Paolo II di Putignano. I pm vogliono accertare se siano state rispettate le misure di prevenzione e di sicurezza sanitaria per evitare la diffusone del contagio e se il personale era dotato di adeguati dispositivi di protezione individuali, essendo risultato anch'esso contagiato di diverse occasioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento