Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Inchiesta Dec, la Procura torna a chiedere l'arresto per i Degennaro

I pm presentano appello al Tribunale del Riesame e forniscono nuova documentazione, chiedendo che venga riconosciuto il reato di associazione a delinquere

Secondo i pm della Procura che indagano sui presunti appalti truccati vinti dalla Dec,  esisteva un "sistema Degennaro" che negli anni ha controllato gli appalti pubblici con la collaborazione di tecnici compiacenti.

I PM: "ASSOCIAZIONE A DELINQUERE" - Per questa ragione i pm sono tornati a chiedere, presentando appello al Riesame, l'arresto per il reato di associazione per delinquere nei confronti dei fratelli Daniele, Gerardo e Vito Degennaro, ex amministratori della Dec. Il reato associativo, infatti, fu negato dal gip che nel marzo 2012 ordinò l'arresto di Gerardo e Daniele Degennaro (Vito non è mai stato arrestato) e di altre cinque persone, tra cui alcuni collaboratori della Dec e tecnici del Comune di Bari, per truffa, falso e frode in pubbliche forniture. A sostegno della sua richiesta la Procura ha presentato la scorsa settimana nuovi atti, visure camerali e relazioni della Guardia di Finanza, che dimostrerebbero l'esistenza di un'associazione per delinquere persistente nel tempo, nonostante i fratelli Degennaro non abbiamo da tempo alcun ruolo come amministratori nelle società coinvolte nell'indagine.

LA DIFESA - Gli indagati intanto sono da qualche mese tornati in libertà. "Attraverso le nostre consulenze tecniche - ha dichiarato il difensore dei Degennaro, l'avvocato Gaetano Castellaneta - abbiamo dimostrato la correttezza della Dec e l'insussistenza del reato associativo" e ha aggiunto che "allo stato non vi sono, neppure per gli altri reati contestati, le esigenze cautelari su cui insiste l'accusa".

LA RICHIESTA DI SEQUESTRO - La Procura ha chiesto inoltre il sequestro di beni per oltre 100 milioni di euro a carico dei fratelli Degennaro e di altri sette indagati, calcolato sul profitto delle presunte corruzioni e truffe contestate. L'accusa ha rinunciato, invece, all'appello per l'applicazione di altre nove misure cautelari personali, nei confronti di altrettanti indagati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Dec, la Procura torna a chiedere l'arresto per i Degennaro

BariToday è in caricamento