Cronaca

Processo 'Gibbanza' su presunte sentenze tributarie pilotate, chieste undici condanne

Tra le richieste del pm, pene comprese tra i 5 anni e 8 mesi e i 2 anni di reclusione, nonchè l'estinzione per prescrizione di tutti i reati contestati per altri 12 imputati

Undici condanne a pene comprese tra i 5 anni e 8 mesi e i 2 anni di reclusione, nonchè l'estinzione per prescrizione di tutti i reati contestati per altri 12 imputati: è la richiesta della Procura di Bari al termine della requisitoria nel processo di primo grado denominato 'Gibbanza', riguardante presunte sentenze tributarie pilotate in cambio di denaro, buoni vacanza e prodotti enogastronomici. Il pm Michele Ruggiero ha chiesto 5 anni e 8 mesi di reclusione per l'ex giudice tributario barese Oronzo Quintavalle, per il quale è stato anche richiesto il riconoscimento dell'attenuante della collaborazione con gli investigatori.

Le accuse contestate ai 23 imputati, a vario titolo, sono corruzione in atti giudiziari, falso, rivelazione del segreto d’ufficio, infedele dichiarazione dei redditi, riciclaggio, favoreggiamento, abuso d’ufficio, truffa, millantato credito e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Il periodo preso in esame è tra il 2008 e il 2010. Tra i coinvolti vi sono avvocati, imprenditori e funzionari delle Commissioni Tributarie. Quattordici dei 30 capi d'imputazione contestati risultano prescritti. Il pm ha anche chiesto assoluzioni nel merito per alcuni presunti episodi di truffa, corruzione e abuso d'ufficio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo 'Gibbanza' su presunte sentenze tributarie pilotate, chieste undici condanne

BariToday è in caricamento