Cronaca

Inchieste sanità, no al processo unico Vendola-Tedesco

Respinta dal gup la richiesta di riunione dei due procedimenti su presunti abusi nella gestione della sanità pubblica pugliese, avanzata dalla difesa di Lea Cosentino

Non saranno accorpati i due procedimenti in corso sul presunto malaffare nella gestione della sanità pubblica pugliese che vedono coinvolti, rispettivamente, l'ex assessore alla Sanità Alberto Tedesco e il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola.

Il gup del tribunale di Bari Antonio Diella ha infatti respinto la richiesta di riunire i due processi, avanzata dalla difesa dell'ex manager della Asl di Bari, Lea Cosentino, coimputata in entrambi i procedimenti. La difesa di Cosentino aveva a tal proposito sottolienato che il processo a carico di Vendola è uno stralcio dell'inchiesta madre sulla sanità gestita dal senatore Tedesco. Ma la richiesta è stata respinta.


L'udienza a carico di Vendola e Cosentino, nell'ambito della quale il presidente della Regione ha chiesto di essere giudicato con rito abbreviato, proseguirà il prossimo 25 ottobre. I due sono accusati di abuso d'ufficio in relazione al concorso per un posto di primario ospedaliero.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchieste sanità, no al processo unico Vendola-Tedesco

BariToday è in caricamento