menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Quel treno non doveva partire", quindi lo schianto: il dolore del capostazione di Andria

Vito Piccarretta avrebbe spiegato, secondo 'La Repubblica', ai funzionari di Ferrotramviaria la sua versione del disastro ferroviario di martedì sulla linea per Corato: "Quella paletta l'ho alzata io" avrebbe aggiunto. L'uomo è stato sospeso dal servizio

"Qul treno non doveva partire" e "quella paletta l'ho alzata io: non sapevo che da Corato stesse arrivando un altro treno, per questo ho dato il via libera": Vito Piccarreta, capostazione di Andria, sospeso dal servizio dalla Ferrotranviaria dopo il disastro ferroviario di martedì scorso sulla linea per Corato, avrebbe spiegato ai funzionari dell'azienda parte della dinamica che ha portato al tragico schianto. A riportarlo è Giuliano Foschini su 'La Repubblica'. Nell'inchiesta della Procura di Trani risultano attualmente indagati tre dipendenti di Ferrotramviaria.

Il capostazione avrebbe spiegato l'andamento di una giornata molto difficile, tra ritardi e gestioni di treni supplementari, "ma quello che è successo è troppo" avrebbe poi dichiarato, secondo il quotidiano romano. Parenti e conoscenti descrivono Piccarreta come un onesto lavoratore, serio e scrupoloso. Secondo gli investigatori una delle principali cause dello scontro potrebbe riguarderebbe la mancanza dei sistema di sicurezza automatico, resosi necessario, negli ultimi anni, per il notevole aumento delle corse sulla linea.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento