rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca

Incidente mortale in via Amendola: tornano in libertà i conducenti arrestati

Il gip ha convalidato l'arresto ma non ha ritenuto sussistenti le esigenze cautelari per i domiciliari. Ai due automobilisti sono stati comunque sequestrati mezzi e patenti di guida

Sono tornati in libertà i due automobilisti arrestati con l'accusa di omicidio stradale, in seguito all'incidente verificatosi lunedì sera in via Amendola tra una Smart e una Lancia Musa, costato la vita al 21enne Carmine Sibilano.

Il gip ha convalidato l'arresto ma respinto la richiesta di applicazione della misura della detenzione domiciliare, ritenendo insussistenti le esigenze cautelari. Ai due conducenti sono state comunque ritirate le patenti di guida e sequestrati i mezzi.

Stando ad una prima ricostruzione fatta dalla polizia municipale, le cause dell'incidente - da cui derivano le gravi violazioni contestate dalla Procura ai conducenti - sarebbero state la velocità sostenuta, l’imprudenza in prossimità di un incrocio con semaforo lampeggiante e il mancato rispetto dei segnali di precedenza. I conducenti, davanti al gip, hanno tuttavia negato l’alta velocità e hanno fornito la propria spiegazione su come si sarebbe verificato l’incidente.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale in via Amendola: tornano in libertà i conducenti arrestati

BariToday è in caricamento