menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'incidente stradale di ieri, foto dal profilo di Conca

L'incidente stradale di ieri, foto dal profilo di Conca

Incidenti a raffica sulla Sp 27 detta 'Tarantina'. "La strada è pericolosa". Conca e Valente a Decaro: "Fai qualcosa"

Il consigliere regionale chiede al sindaco metropolitano Decaro di intervenire e anche al sindaco Valente, la cui Giunta ha adottato una delibera. "Se per la provincia è troppo complesso - aggiunge - si passi la competenza ad Anas"

Un nuovo incidente stradale sulla strada provinciale 27 e dal Movimento 5 stelle si chiedono interventi al sindaco di Gravina, Alesio Valente, e al sindaco metropolitano, Antonio Decaro. A chiedere di focalizzare l'attenzione sulla 'Tarantina', è il consigliere regionale Mario Conca, che sollecita anche la convocazione della conferenza dei servizi con l'Anas e tutti gli enti preposti per valutare l'allargamento della strada. Da tempo, infatti, sul tratto di strada barese si verificano impatti tra veicoli, l'ultimo nella giornata del 18 novembre.

"Non si può continuare così. Quella strada è un pericolo quotidiano per l'incolumità di migliaia di automobilisti. Da molti mesi il traffico sulla Tarantina, infatti, è sempre più in crescita - spiega il pentastellato - ma la sicurezza è poca, dovuto alle modifiche del tratto altamurano della SS 96, che rende sempre più angusto il transito in molti tratti dove il manto stradale è assai sconnesso". 

Finora sulla Tarantina, è l'eccezione presentata dal pentastellato, gli unici interventi attuati hanno riguardato la riduzione della velocità in alcuni punti, con limiti quasi a livelli urbani. E richiede invece un  allargamento dei tratti congestionati, dove sono presenti curve insidiose e accessi a raso di strade comunali esterne: "Piuttosto che pensare di allargare il tratto finale o far partire i lavori per le uscite dell'ospedale della Murgia, non si può pensare ad una strada a quattro corsie che dal cavalcavia si vada ad innestare alla SS 99 che confluisce nella 96? Un costo stimato di dieci milioni di euro per la sua realizzazione può valere più di tante vite umane? Serve un’importante opera che collegherebbe definitivamente Gravina al capoluogo e a Matera". E se la realizzazione dovesse essere troppo complicata, propone una soluzione alternativa: "Far passare sotto la competenza di Anas tutte le strade provinciali - spiega in una nota - sull’esempio del Piemonte. Questo permetterebbe di alleggerire le Province. Le proposte ci sono spero che non ci debbano essere altri morti per far capire che non si può più perdere tempo".

La risposta del Comune di Gravina di Puglia non si è fatta attendere: "La Provinciale 27 Tarantina è una delle più pericolose del comprensorio barese e va resa sicura, con interventi urgenti e con una programmazione che la trasformi in strada di collegamento veloce alla Statale 96". Questo, in sintesi, il contenuto della delibera con cui la giunta municipale di Gravina in Puglia, su proposta del sindaco Alesio Valente, ha dato voce ufficiale alle preoccupazioni relative alle precarie condizioni di quella che è diventata ormai una delle principali arterie viarie del territorio.

"A seguito dei lavori di ammodernamento della Statale 96 tra Altamura e Bari – si legge nella delibera - la stessa è divenuta il principale asse di collegamento viario tra la Murgia, la città capoluogo e quella di Matera. Per raggiungere la SS 96 da Gravina, ed in parte anche da Altamura, ci si serve per lo più della Strada Provinciale 27 Tarantina», una lingua d’asfalto lunga 17,400 km che collega il centro abitato di Gravina in Puglia al bivio per la SS 96 e la Sp 235 di Santeramo: composta da due corsie, una per ogni senso di marcia, «essa – si sottolinea nel provvedimento di giunta - si presenta caratterizzata da improvvisi curvoni e strettoie, oltre che da un progressivo ammaloramento del manto stradale e dall’assenza, in più tratti, di guard rail, e dalla carenza di segnaletica orizzontale e verticale». Situazioni che «specie d’inverno, comunque a seguito di piogge anche di breve intensità o portata, fanno sì che in più punti la stessa sia soggetta ad allagamenti o alla presenza di fango proveniente dai campi circostanti». Tutti fattori che diventano causa, o concausa, si osserva ancora, «di un numero crescente di sinistri, lievitato di recente ancor più a seguito dell’ammodernamento della SS 96. In particolare, come evidenziato dal Rapporto sugli incidenti stradali in Puglia nel 2018, elaborato per la Regione Puglia dall’Agenzia regionale strategica per lo sviluppo ecosostenibile del territorio, la Sp 27 Tarantina figura tra le strade a più alta frequenza di sinistri nel territorio della Città Metropolitana di Bari, risultando la sesta strada provinciale in assoluto più pericolosa lungo la quale, nel corso del 2018, si sono verificati 21 incidenti con 52 feriti».

Una situazione di pericolo, ricorda il governo civico, «che più volte è stata rappresentata all’ente proprietario della Sp 27, ovvero la Città Metropolitana di Bari, con contestuale richiesta di immediati interventi di messa in sicurezza oltre che di una progettazione volta a trasformarla in strada a scorrimento veloce idonea a fruire, in alternativa al mancato ampliamento della SS 96 nel tratto tra Gravina e Altamura, in efficiente e sicuro anello di raccordo tra la città di Gravina e la stessa SS 96. Tuttavia, le molteplici richieste inoltrate sono state costantemente eluse, eccezion fatta per interventi marginali che non hanno ridotto in alcun modo le condizioni di pericolosità della Sp 27».

Da qui la decisione unanime di «chiedere un intervento ad horas della Città Metropolitana», al fine di garantire la sicurezza della Tarantina, e di incaricare il primo cittadino «di richiedere la convocazione urgente di un tavolo di concertazione con la Città Metropolitana di Bari per definire congiuntamente ogni iniziativa utile all’ammodernamento della Sp 27 Tarantina».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Attico di lusso nel cuore di Bari: un sogno a due passi dal mare dove il fascino dell'antico si sposa all'eleganza del moderno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento