Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Incidenti stradali, cala il numero delle vittime. Nei centri abitati la percentuale più alta di sinistri

I dati del 2013 confermano il trend degli anni precedenti: gli incidenti mortali continuano a diminuire. Nella classifica della province, Bari è al primo posto per numero di sinistri in cui si sono registrati decessi. L'assessore Giannini: "Continueremo a puntare sulla sensibilizzazione"

Gli incidenti mortali sulle strade pugliesi continuano a diminuire. I primi dati relativi al 2013, contenuti nel rapporto redatto dall’Agenzia Regionale per la Mobilità nella Regione Puglia, confermano un trend che si era già delineato negli anni scorsi.

GLI INCIDENTI NEL 2013 - Nell’anno 2013, sulla base dei dati trasmessi dalle Polizie municipali, dall’Arma dei Carabinieri e dalla Polizia stradale all’agenzia regionale, si sono verificati in Puglia 10.189 incidenti stradali con lesioni a persone. Il numero dei morti è stato pari a 224 mentre i feriti ammontano a 17.097. Rispetto al 2012, si è riscontra una diminuzione del numero degli incidenti con lesioni a persone (-0,3%) e del numero dei morti (-15,2%); gli incidenti mortali hanno registrato una riduzione del 6,5%. "La Puglia - sottolinea una nota della regione - ha raggiunto quest’anno, l’obiettivo fissato dall'Unione Europea nel Libro Bianco del 2001: dai 464 decessi per incidente stradale registrati nel 2001 si è passati ai 224 del 2013, con una riduzione del 51,5% che consente di superare ampiamente la soglia di abbattimento programmata a livello comunitario del 50%".

LE STRADE PIU' PERICOLOSE -  I centri abitati sono stati, anche per il 2013, la principale scena degli incidenti stradali pugliesi: traffico, ingorghi e rallentamenti unitamente alla brevità degli spostamenti incidono particolarmente nell’oltre il 72% dei sinistri. E sempre nei centri abitati si è registrato un lieve aumento dei sinistri mortali: +3,5%. Nonostante il minor numero di vittime registrato rispetto al 2012 (-18,8%), sono comunque statali e provinciali le strade più pericolose: qui, nel 2013, si è verificato il 70,1% dei decessi.

LA SUDDIVISIONE PER PROVINCE - Per il 2013 è la provincia di Bari a detenere il più alto numero di vittime per incidente stradale: 71. Il territorio barese, così come per gli anni precedenti, si segnala anche per il maggior numero di incidenti (38,3%), ed il maggior numero di feriti (37,9%). Un dato - sottolinea il rapporto regionale - largamente influenzato dai volumi di traffico e dalle eterogeneità dei territori comunali. Il calo della mortalità registrato per il 2013 a livello regionale,  tuttavia, non si conferma in modo omogeneo su tutti i territori provinciali: la provincia di Lecce, ad esempio, è quella che si è contraddistinta per il maggior decremento della mortalità.

GIANNINI: "NUOVE CAMPAGNE DI SENSIBILIZZAZIONE" -  "La tematica della sicurezza stradale - commenta l'assessore regionale ai Trasporti Giovanni Giannini - impone sempre una certa cautela nell’inquadrare positivamente o negativamente i dati sull’incidentalità stradale. In questi mesi le nostre strade sono state teatro di incidenti stradali che hanno, purtroppo, determinato dolorosissime conseguenze con la perdita di vite umane, spesso giovani. Ciò nonostante, la speranza che tali episodi possano diminuire in un prossimo futuro trova conforto nei dati sull’incidentalità stradale registrati nel 2013 che hanno evidenziato una riduzione cospicua della mortalità nella nostra regione"."Purtroppo - prosegue Giannini -  tra le principali circostanze presunte di incidenti stradale si segnalano, anche per il 2013, il fattore umano della distrazione alla guida e il mancato rispetto dei limiti di velocità e della segnaletica di precedenza. Per cui, nel corso dei prossimi mesi, la Regione riprenderà la programmazione di campagne per la sensibilizzazione dei cittadini a comportamenti di prudenza e di rispetto delle norme in materia di circolazione stradale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti stradali, cala il numero delle vittime. Nei centri abitati la percentuale più alta di sinistri

BariToday è in caricamento