Lotta all'usura, crescono le denunce: "In sei mesi più 500% di richieste d'accesso al fondo"

Il commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, Cuttaia, è stato ospite ieri di un incontro in Fiera. "Si combatte l'usura facendo accedere le persone al credito con più facilità"

Domenico Cuttaia

Il fenomeno dell'usura si combatte aiutando le persone ad accedere al credito con più facilità. A rimarcarlo ieri in Fiera del Levante è stato il commissario straordinario del Governo per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura, Domenico Cuttaia, durante l'incontro dal titolo "Crisi economica: esecuzioni immobiliari e prospettive possibili".

Cuttaia ha poi ricordato che la Consulta, per raggiungere l'obiettivo, "Banca d’Italia, Abi e gli istituti di credito". L'incontro, moderato dal giornalista Enzo Quarto, è stato l'occasione per raccontare la lotta all'usura attraverso le voci delle tante realtà presenti sul territorio: tra gli ospiti anche si sta impegnando con Bisogna consentire un accesso facilitato al credito per limitare il fenomeno dell’usura. Per raggiungere questo obiettivo ci stiamo impegnando con monsignor Alberto D’Urso, Ruggero Ricco, segretario generale della consulta antiusura, e Domenico Liantoni, segretario generale dei pensionati Cisl Bari.

Cuttaia: "Usura fenomeno complesso"

“L’usura – ha ricordato Cuttaia – è un fenomeno complesso, che affonda le sue radici su questioni storiche, sociali, sui costumi negativi. L’azione per contrastarla può essere esclusivamente repressiva, ma ci deve essere anche una azione di fondo che intervenga sulle cause sociali che inducono all’usura. Spesso alla base vi è il gioco di azzardo o altre forme caratterizzanti delle società che insistono molto sul valore del consumo". Il commissario straordinario del Governo ha poi ricordato che bisogna "cercare di valorizzare al massimo il sostegno da dare alle vittime del racket. Attraverso la normativa vigente, siamo in grado di poter sostenere economicamente le vittime senza attendere la fine del procedimento penale, sulla base di una denuncia credibile". E la Puglia è uno degli esempi virtuosi: si è registrato un aumento delle denunce per usura e un aumento delle istanze di accesso al fondo. "In sei mesi c’è stato un incremento del 500 per cento rispetto a tutto 2017 - ha ricordato - con una erogazione di 2 milioni e 100mila euro su un fondo nazionale che è complessivamente di 3 milioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia resta 'zona arancione', la decisione del ministro Speranza: misure confermate

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Folle inseguimento a 120 km/h per le strade di Carbonara: arrestato pregiudicato 33enne

  • Calano le occupazioni delle terapie intensive covid in Puglia: migliora anche il trend dei contagi sui tamponi eseguiti

  • Spostamenti ingiustificati fuori Comune, cibi e bevande consumati nei pressi di bar e locali: controlli anticovid e multe nel Barese 

Torna su
BariToday è in caricamento