Cronaca

Rapper scomparso a Bari, si indaga sulle cause della morte: il padre ha allertato i carabinieri

L'uomo, che viveva con Giuseppe Poliseno, in arte 'Toki' ha trovato il corpo nella serata di ieri. Gli inquirenti tendono a escludere la pista dell'omicidio: sarà l'autopsia a fare chiarezza

Si infittisce il mistero sulla morte di Giuseppe Poliseno, rapper barese conosciuto come 'Toki' scomparso a 41 anni. Dopo il ritrovamento del corpo nel suo appartamento, i carabinieri stanno effettuando accertamenti per chiarire la situazione. A chiamare i soccorsi era stato il padre, con cui conviveva dopo essere finito ai domiciliari per questioni legate al rapporto con l'ex moglie. Il corpo di Poliseno è stato trovato prono sul letto della sua stanza senza segni evidenti di lesioni. Sulla vicenda indagano i carabinieri, coordinati dal pm di turno Ignazio Abbadessa, che nelle prossime ore deciderà se disporre l'autopsia. Gli investigatori fino ad ora non hanno raccolto elementi che facciano pensare ad una morte violenta, al coinvolgimento di terze persone e quindi ad un omicidio. Sul posto per i rilievi sono intervenuti anche gli uomini della scientifica. Il medico legale, il professor Francesco Introna, ha già fatto una prima ispezione e il corpo si trova attualmente nell'istituto di medicina legale del Policlinico di Bari. L'eventuale autopsia dovrà chiarire se si sia trattato di un malore, se la morte sia stata causata da un'overdose o dalla mano di terzi che, tuttavia, al momento gli investigatori si sentono di escludere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapper scomparso a Bari, si indaga sulle cause della morte: il padre ha allertato i carabinieri

BariToday è in caricamento