Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Infiltrazioni di neofascisti nella manifestazione studentesca, la denuncia di Rete della conoscenza

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Oggi, poco dopo la partenza del corteo degli studenti da piazza Umberto I, circa una cinquantina di studenti, muniti di bandiere tricolore, hanno tentato di raggiungere la testa del corteo, spintonando i ragazzi che tenevano lo striscione. Gridando e spintonando, hanno cercato di superare il servizio d'ordine, ostacolando il proseguimento del corteo, e, dopo qualche tentativo, sono stati allontanati dal corteo, inseguito ad un tentativo di rissa.

Questi hanno, successivamente, superato il corteo e si sono avviati lungo Corso Vittorio Emanuele, concludendo il piccolo corteo. Nella piazza sono stati raggiunti da una decina di altre persone dalle teste rasate che sicuramente non erano studenti e che potevano avere tra i 30 e 40 anni. Qui, hanno cominciato a fare cori e all'arrivo del corteo si sono dispersi.


Vogliamo ribadire che gli studenti e le studentesse baresi sono antifascisti e rifiutano le pratiche messe in campo da questa piccola minoranza, che, inoltre, hanno attaccato lo spezzone dei GC. I 15.000 studenti scesi oggi in piazza hanno attraversato la città per combattere le politiche di austerità dell'Europa e per bloccare il processo di privatizzazione della scuola, e dei saperi in generale, messo in campo dal PDL Aprea. Vogliamo avviare un percorso di cambiamento della scuola e della società fatto di democrazia e partecipazione e rifiutiamo le violenze ed intimidazioni messe in campo da una sparuta minoranza oggi in piazza.


Gli studenti di Bari sono antifasciscti, Bari è antifascista!!


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infiltrazioni di neofascisti nella manifestazione studentesca, la denuncia di Rete della conoscenza

BariToday è in caricamento