Inizia la campagna antincendi boschivi 2015 in Prefettura a Bari

Si è svolta in Prefettura, lunedì 11 maggio 2015, la riunione annuale di avvio della campagna AIB - Anti Incendi Boschivi - 2015. Introdotti i divieti di bruciare stoppie, residui vegetali e vegetazione spontanea e finanziamenti ai Comuni per la manutenzione preventiva

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Si è svolta in Prefettura, lunedì 11 maggio 2015, la riunione annuale di avvio della campagna AIB - Anti Incendi Boschivi - 2015. Nel corso della riunione, sono state illustrate le principali novità introdotte quest'anno nel Decreto n. 46 del 2 aprile 2015 con il quale il Presidente della Regione ha dichiarato lo stato di grave pericolosità per gli incendi in tutte le aree boscate, cespugliate, arborate e a pascolo della Puglia dal 15 giugno al 15 settembre  2015.
 

In particolare, oltre ai consueti, già noti, divieti (fuochi di ogni genere, mine o esplosivi, apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, motori , fornelli o inceneritori che producano faville o brace, fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate, fumo, fiammiferi, sigari o sigarette accese, attività pirotecnica, fuochi d'artificio, razzi di qualsiasi tipo e/o mongolfiere di carta, lanterne volanti dotate di fiamme libere, altri articoli pirotecnici, transito e/o sosta con autoveicoli su viabilità non asfaltata all'interno di aree boscate, transito con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, gravate dai servizi di pubblico passaggio, abbandono di rifiuti nei boschi e in discariche abusive) è vietato anche bruciare stoppie, residui
vegetali e vegetazione spontanea su terreni incolti e a riposo. Sono stati anche illustrati i finanziamenti che il Servizio Foreste della Regione Puglia ha messo a disposizione delle Amministrazioni locali per i primi necessari interventi di manutenzione preventiva, come la rimozione di stoppie da tratti di strada e canali a rischio di incendio. Per ottenere i finanziamenti, i Comuni potranno presentare piccoli progetti di manutenzione ordinaria anche con l'impiego delle associazioni di volontariato di Protezione Civile.
Alla
riunione, presieduta dalla dirigente dell'Area Protezione Civile della Prefettura - Vice Prefetto Cinzia Carrieri - hanno partecipato gli specialisti della Protezione Civile e del Servizio Foreste della Regione Puglia, l'Autorità di Bacino della Puglia, i Vigili del Fuoco, i rappresentanti delle Forze dell'Ordine, del Corpo Forestale dello Stato, delle Polizie Municipali, dell'Acquedotto Pugliese, delle Ferrovie locali e nazionali, del Parco di Lama Balice e degli altri enti coinvolti nella gestione degli incendi boschivi.

Torna su
BariToday è in caricamento