menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Libri 'rigeneranti' e personalizzati dai ragazzi: l'idea vincente della scuola media 'Duse'

L'istituto del quartiere San Girolamo di Bari ha vinto a Roma il premio Forum Pa 2017: l'innovativo progetto ha permesso di ridurre i costi per i genitori e di migliorare notevolmente il profitto degli studenti

Libri multimediali creati con la partecipazione degli stessi ragazzi, modellati anno dopo anno (o anche ad ogni lezione) secondo le esigenze degli alunni. Imparare 'toccando con le proprie mani', anzi, sfiorandole con le dita su uno schermo o una tastiera. Un'idea innovativa che ha portato la scuola media 'Eleonora Duse', istituto da circa 1200 studenti del quartiere San Girolamo di Bari a vincere il premio Forum Pa '10x10 - Cento progetti per cambiare la Pubblica Amministrazione', prestigioso riconoscimento nazionale alle soluzioni più innovative realizzate da enti e istituzioni pubbliche, al servizio dei cittadini. Nell'istituto, infatti, da qualche anno, molti testi tradizionali, diventati facoltativi, sono stati 'superati' da quelli elettronici, multimediali e gratuiti. realizzati dalla stessa scuola con la collaborazione di docenti e alunni

Le famiglie dei ragazzi hanno apprezzato notevolmente l'iniziativa: non solo un notevole risparmio a inizio anno scolastico ma anche un miglioramento del profitto dei propri figli, decisamente più invogliati a studiare su un testo virtuale, accattivante e personalizzabile con video e contenuti scelti da loro. Ieri, a Roma, la scuola ha ricevuto il prestigioso premio (per il quale, in un'altra sezione ha vinto anche il Comune di Bari con il progetto Musica), coronamento di un percorso cominciato proprio per venire incontro alle famiglie: "Abbiamo pensato inizialmente - spiega il dirigente scolastico Gennaro Marchitelli - di crearli per ridurre la spesa dei genitori per l'acquisto dei libri, a partire dalle prime classi. Strada facendo ci siamo resi conto che avevamo messo in atto uno strumento didattico di notevole portata che ha reso molto facile l'apprendimento. I riscontri sono stati ottimi anche sul fronte inclusione degli stessi ragazzi. Anche i meno bravi sono riusciti a migliorare il loro profitto, non rimanendo indietro". I contenuti, infatti, vengono integrati, ad esempio, con video cercati dagli studenti diventati, in qualche modo, editori di se stessi.

Formati i professori della 'Duse' alla 'novità', negli ultimi anni sempre più testi tradizionali sono stati relegati a non obbligatori: si è cominciato con matematica, scienze, geometria e aritmetica, proseguendo anche con grammatica 1 e 2. L'obiettivo è proseguire su questa strada anche perché il risparmio per l'utenza è stato di ben 42mila euro. La 'Duse' si è ovviamente attrezzata con i dispositivi necessari: gli insegnanti dispongono di un tablet e nelle classi vi è un monitor. A breve saranno consegnati pc a 50 alunni: "Siamo davvero soddisfatti - aggiunge Marchitelli - e a volte dobbiamo anche frenare gli stessi ragazzi perché spesso scelgono video o contenuti estremamente approfonditi. E' davvero entusiasmante e i risultati li raccogliamo anno dopo anno, con ottimi piazzamenti ai giochi linguistici e matematici patrocinati da Università e Politecnico". Apprendere diventa così un gioco, fatto e creato proprio dai ragazzi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento