Cronaca

Pratiche burocratiche con un clic: presentati nuovi servizi informatici del Comune

Attivo il portale egov.ba.it , per espletare dichiarazioni sui pagamenti Tari, Tasi e Imu, chiedere rimborsi e iscriversi ai registri di scrutatori e presidenti di seggio. Decaro: "Un vero e proprio ufficio virtuale"

Fornire dichiarazioni per il pagamento delle tasse Imu, Tari e Tasi e richiedere i rimborsi, iscriversi all'albo comunale dei presidenti e scrutatori di seggio elettorale ed altri servizi digitali, tutto in un clic: è stato illustrato il portale egov.ba.it , dedicato all'Area Vasta Metropoli Terra di Bari comprendente il capoluogo e altri 27 Comuni dell'hinterland, che permetterà di espletare pratiche burocratiche comodamente dal proprio computer, da tablet o smartphone. I servizi illustrati oggi si aggiungono a quelli già attivati qualche mese fa, ovvero autodichiarazioni, certificato esistenza in vita, certificato iscrizione liste elettorali, certificato di nascita, certificato di residenza, certificato stato di famiglia, certificato stato libero, certificato di vedovanza, visura posizione anagrafica, visura posizione elettorale e SIT - destinazione urbanistica. 

“E uno dei 5 punti della nostra campagna elettorale - ha spiegato il sindaco Antonio Decaro - realizzare un solo 'ufficio virtuale' per tutte le pratiche online scaricabili dai cittadini direttamente dal proprio pc. Ad oggi, con la presentazione di questi nuovi servizi che riguardano essenzialmente il settore tributi, abbiamo quasi completato il programma annunciato. Ci rende particolarmente orgogliosi essere riusciti a portare a casa questo risultato, quando non abbiamo raggiunto nemmeno il traguardo di metà mandato. Tra i punti previsti manca solo la realizzazione dello sportello unico delle attività produttive e quello per le attività dell’edilizia, anche se per quest’ultimo abbiamo già cominciato a lavorare qualche mese fa. Il processo avviato a Bari sta portando ottimi risultati, tanto da essere stato rilevato da uno studio condotto dalla BEM research sul fronte di cantieri di e-government, che vede la nostra città posizionarsi al secondo posto nella classifica nazionale alle spalle del Comune di Venezia, con pochissimi punti di distacco  che noi contiamo di colmare nei prossimi mesi"

“Abbiamo lanciato il progetto lo scorso novembre - ha dichiarato Angelo Tomasicchio - e da allora sono stati erogati 6.515 servizi e si sono registrati online quasi 7.000 cittadini. Con le novità introdotte nella piattaforma digitale da oggi si potranno richiedere i rimborsi relativi ad alcune imposte comunali oppure iscriversi all’albo degli scrutatori elettorali compilando una scheda online con la scansione della propria firma. Così, non solo evitiamo inutili code negli uffici velocizzando le procedure amministrative ma facciamo anche in modo che i cittadini possano risparmiare in media circa 15 euro per ogni servizio richiesto. Con egov.ba abbiamo anche anticipato il sistema SPID, cui Bari aderirà entro un mese: da quel momento tutti i cittadini potranno utilizzare lo stesso codice unico digitale per accedere ai servizi online di tutte le amministrazioni pubbliche del nostro paese”.

Per utilizzare la piattaforma, cittadini e imprese dovranno registrarsi sul portale regionale per la gestione unificata degli utenti (www.idp.regione.puglia.it), consentendo così di creare il proprio account su egov.ba.it, grazie al quale potranno accedere ai servizi disponibili cui sono interessati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pratiche burocratiche con un clic: presentati nuovi servizi informatici del Comune

BariToday è in caricamento