menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Non si ferma all'alt e fugge nonostante la ruota bucata: 40enne inseguito da Bari a Molfetta

Arrestato un pluripregiudicato, che non ha voluto spiegare i motivi della fuga. In corso Vittorio Veneto l'uomo è stato inseguito da volanti di Polizia locale e Guardia di Finanza

Un inseguimento da film, che dal lungomare Araldo di Crollalanza di Bari è finito a Molfetta, dopo un'ora. La polizia locale ha intercettato intorno alla mezzanotte di ieri una Citroen C3 con alla guida un 40nne Barese residente a Bitonto, che non si è fermato all'alt degli agenti, che avevano notato stesse percorrendo il viale con una ruota forata.

L'inseguimento

Alla segnalazione di stop, l'uomo ha invece premuto il piede sull'acceleratore, mettendo in pericolo pedoni e automobilisti. Percorrendo corso Vittorio Veneto, il 40enne è giunto all’altezza del viale Orlando, quando veniva intercettato da un equipaggio della Guardia di Finanza di transito, che poi si è aggiunto all’inseguimento, mentre  l’auto si dirigeva verso la via Napoli per uscire dalla città. Il veicolo ha attraversato diversi semafori rossi, per poi imboccare la tangenziale in direzione nord, sfrecciando, nonostante una ruota forata,  ad oltre 140 chilometri all’ora. L’inseguimento di Polizia Locale e Guardia di Finanza  si è protratto fino all’uscita della strada statale bis di Molfetta Sud, dove i veicoli sono riusciti a sorpassare l’auto e a porsi davanti, riuscendo a frenare la folle corsa del guidatore. Il soggetto alla guida, per niente intimorito, li ha tamponati più volte e solo dopo una strenua resistenza si è dovuto arrendere e fermarsi.

L'arresto

Dal successivo controllo, si è scoperto che l'uomo è pluripregiudicato nato a Bari, poi fermato ed arrestato con l’accusa di resistenza e minacce a pubblici ufficiali. Fino a questa mattina, gli agenti non sono riusciti a farsi spiegare il motivo della fuga e per questo hanno avviato delle indagini. L’uomo, che aveva una gamba ingessata fino all’inguine, è stato portato in ospedale e sottoposto, come da protocollo in questi casi, agli esami di rito. Dell’avvenuto arresto è stato anche avvertito il sostituto procuratore della Repubblica di Trani, che ha disposto per il soggetto che venga messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria nel carcere di Trani. L’uomo dovrà rispondere anche per guida con patente scaduta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento