menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Minacce su Facebook al sindaco Decaro dopo blitz anti fornacelle a San Nicola: il sindaco rimette la querela contro 29enne

L'imputato, nel corso del processo davanti al giudice monocratico, in un'aula del Tribunale di Bari, ha chiesto scusa al primo cittadino, non presente all'udienza

Il sindaco di Bari Antonio Decaro ha rimesso la querela per diffamazione, ritirando anche la costituzione di parte civile per le minacce di morte che subì su Facebook a maggio del 2016 da un uomo di 29 anni, residente nel capoluogo pugliese a seguito delle polemiche sui divieti del Comune per arginare gli ambulanti abusivi durante la Festa di San Nicola sul lungomare cittadino. 

In quell'occasione vi furono interventi della Polizia locale e delle Forze dell'Ordine per chiudere le 'fornacelle'. A seguito delle minacce e di altre offese subite, il primo cittadino ricevette anche una scorta. L'imputato, nel corso del processo davanti al giudice monocratico, in un'aula del Tribunale di Bari, ha chiesto scusa al primo cittadino, non presente all'udienza. Il 29enne è accusato di minacce aggravate e diffamazione, si è scusato con il primo cittadino che non era presente. La Procura della Repubblica ha derubricato l'accusa da minacce gravi, per le quali si procede d'ufficio, a minacce lievi e ha chiesto l'assoluzione dell'imputato. Il reato di diffamazione è decaduto dopo il ritiro della querela. Anche il Comune ha ritirato la costituzione di parte civile. Nel pomeriggio è prevista la sentenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento