Interrogatorio in carcere per Tommy Parisi: "Fuori dagli affari di famiglia, sono un artista"

Il cantante neomelodico, figlio del boss di Japigia, ascoltato dal gip respinge le accuse. E il padre, anch'egli interrogato, a sua volta lo difende: "Tommy è pulito"

Ha risposto per mezz'ora alle domande del gip, Alessandra Piliego, ribadendo la sua innocenza e l'estraneità agli affari illeciti della sua famiglia. Interrogatorio di garanzia, questa mattina in carcere, per Tommy Parisi, figlio del boss 'Savinuccio'. Il cantante neomelodico, da martedì scorso ricercato in quanto coinvolto nel blitz che ha decimato il clan Parisi, si è costituito ieri, presentandosi spontaneamente in carcere accompagnato dal suo avvocato, Nicola Lerario.

"Non sono un deliquente, ho scelto di stare fuori dagli affari della mia famiglia e fare l'artista", avrebbe detto il 33enne rispondendo alle domande del gip. Tommy Parisi finora non era mai stato coinvolto nelle indagini che avevano riguardato il clan Parisi, ma questa volta è accusato di associazione mafiosa. Secondo gli investigatori, Parisi jr avrebbe fatto da tramite tra il padre in carcere e gli affiliati al clan, veicolando informazioni e direttive.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un'accusa che è stata respinta dallo stesso boss, Savino Parisi, anch'egli sottoposto oggi ad interrogatorio di garanzia. Il boss di Japigia, oltre a negare il coinvolgimento nei fatti che gli sono contestati dalla Procura, avrebbe parlato anche del figlio Tommy, sostenendo la sua totale estraneità al mondo della criminalità: "Ha scelto di fare il cantante ed è pulito", avrebbe affermato Parisi. Quanto alla sua posizione, il boss di Japigia ha negato di aver mai gestito dal carcere gli affari del clan, circostanza che sarebbe invece emersa dalle indagini coordinate dalla Dda.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo Dpcm già oggi? Per fermare il contagio covid in arrivo il coprifuoco alle 22

  • Tre 'mini zone rosse' a Bari vecchia, nell'Umbertino e a Poggiofranco: "No alla movida, controlli già da stasera"

  • Nuova stretta anticovid, entro domenica un altro Dpcm? Stop alle 22 per i ristoranti, no ai centri commerciali nel weekend

  • Fermare l'aumento dei contagi ed evitare il lockdown, oggi il nuovo dpcm: verso coprifuoco alle 22 e orari scaglionati per le scuole

  • 'Caffè' al banco vietato dalle 18 dopo il nuovo Dpcm, la prima multa a Bari è per un bar del centro

  • Zone rosse anti movida, Decaro attacca il governo e il nuovo Dpcm: "Inaccettabile scaricare responsabilità sui sindaci"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento