menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il parco di via Gargasole inizia a prendere forma: nuova muratura ed accessi per pedoni e disabili

In mattinata l'assessore Tedesco ha effettuato un sopralluogo nell'area vicina alla Caserma Rossani . Presentato anche il bando per le associazioni che vorranno ospitare iniziative al suo interno

Abbattuto il muro esterno - sostituito da uno di altezza inferiore -, realizzata la recinzione e gli accessi pedonali e per disabili e piantati i primi alberi. Il futuro 'Parco di via Gargasole' inizia a prendere forma, con i lavori di riqualificazione dell'area che proseguono da diverse settimane. Questa mattina l’assessora all’Urbanistica Carla Tedesco ha fatto un sopralluogo nell'area dei lavori, che termineranno entro la fine di giugno.

20170518_132927-2L'idea di realizzare un parco in zona è emersa durante il percorso di partecipazione 'RI Accordi Urbani',e continuerà a vedere in futuro pratiche condivise ispirate a modalità di uso temporaneo degli spazi pubblici. Nel pomeriggio infatti è stato presentato all'Urban center dall'assessore il bando di futura pubblicazione per selezionare  le proposte  progettuali che coinvolgano le associazioni e i cittadini in percorsi di rigenerazione dell'area pubblica urbana, attraverso pratiche inclusive e partecipative. Ciascuna iniziativa dovrà prevedere un budget di 3mila euro massimo, comprensivo di spese di personale, delle materie prime, dell'acquisto o del noleggio di forniture e/o attrezzature, di servizi esterni e comunicazione.

Le tipologie d’intervento che potranno essere candidate  al bando sono: 'laboratorio di autocostruzione' - per invitare i partecipanti a riflettere sulle differenti modalità di abitare il Parco, attraverso l’ideazione e realizzazione di arredi, percorsi e spazi temporanei per accogliere le diverse attività, iniziative ed eventi che l’area potrà ospitare (gioco, didattica, socializzazione, ecc.) -, 'laboratorio di street art' - per rivitalizzare gli spazi grazie all’arte, con graffiti da realizzare sulle recinzione del parco e sui muri perimetrali -, 'laboratorio di giardinaggio condiviso' - che mira a favorire un’esperienza collettiva di piantumazione, cura, di gestione dell’area a verde -, e 'laboratorio di attivazione sociale', grazie al quale si realizzeranno - con la partecipazione dei cittadini, delle associazioni e delle scuole - attività ludiche con i bambini, attività di educazione ambientale, attività sportive, piccoli concerti o feste di quartiere.

“Il parco di via Gargasole è un’esperienza pilota di rigenerazione urbana e innovazione sociale. Abbiamo voluto condividere ogni passaggio che riguarda la 20170518_133036-2rigenerazione e la gestione di quest’area perché ritenevamo giusto dare supporto alle idee dei cittadini che già attraverso una prima fase di partecipazione avevano proposto l’apertura e l’utilizzo di questo giardino – commenta l’assessore Tedesco –. Contemporaneamente abbiamo scelto di costruire questo bando che orientasse in maniera organica gli interventi dei cittadini e delle associazioni e facilitasse la fruizione dell’area da parte di tutta la città., aggiornando la prima rilevazione che risale a parecchi anni fa, per attivare  lo stesso tipo di riuso e collaborazione”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento