menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'intolleranza viaggia a colpi di tweet: gay e donne nel mirino dei pugliesi

Nello studio di Vox - Osservatorio Italiano sui diritti, in collaborazione con le Università di Bari, Milano e Roma emerge la tendenza alle discriminazioni di genere e verso gli omosessuali

La Puglia non è una regione intollerante, ma vi sono 'sacche' di razzismo e omofobia in alcune zone, in particolare nel Sud Barese e nella parte più meridionale del Salento. E' il quadro tracciato con lo studio realizzato Vox - Osservatorio italiano sui diritti, in collaborazione con le università di Milano, Roma e Bari: una vera e propria mappa che analizza le varie tipologie di intolleranza, dall'omofobia alla violenza sulle donne, dalla discriminazione razziale fino all'emarginazione dei disabili, attraverso il campionamento di 1,8 milioni di tweet nel periodo gennaio-agosto 2014.

I messaggi, geolocalizzati, hanno permesso di definire le zone più sensibili al problema: il nord si conferma, cinguettii alla mano, più 'razzista' e misogino del resto del Paese. Per quanto riguarda la nostra regione, vi sono da segnalare i numerosi messaggi contro le donne, provenienti dalle province più meridionali, ma anche gli insulti agli ebrei, complessivamente generalizzati lungo tutto il territorio pugliese, dove vi è anche una delle poche concentrazioni in Italia di messaggi contro gay e lesbiche. Tanti pregiudizi, nonostante Twitter sia un mezzo non troppo diffuso nel nostro Paese, in un certo senso più 'elitario', se paragonato al re dei social, Facebook, dove, la verbosità insultante è una piaga troppo spesso difficile da debellare. Perché, dietro a una tastiera, ci si sente più forti e impuniti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento