Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Intossicazioni negli Usa, la Procura di Bari sequestra partita di ricotta pugliese

Gli accertamenti della magistratura barese avviati dopo una segnalazione pubblicata sul sito della 'Food and Drug Administration'. I sospetti riguardano un prodotto esportato da un'azienda di Conversano

Accertamenti sono in corso da parte della Procura di Bari sulla ricotta 'Frescolina' prodotta da un'azienda pugliese, la 'Marte Formaggi' di Conversano.

LE INTOSSICAZIONI NEGLI USA - La magistratura barese, "in seguito alla segnalazione pubblicata sul sito della 'Food and Drug Administration' relativa a casi di intossicazione riscontrati negli Stati Uniti da Listeria monocytogenes, ha tempestivamente disposto il sequestro delle giacenze e le dovute verifiche sull'operato dell'azienda". E' quanto si legge in una nota della Procura. "Sono in corso accertamenti - continua la nota - per verificare le origini dell'alterazione nel processo di produzione o distribuzione del prodotto".

LE PRECISAZIONI DELL'AZIENDA - "La merce oggetto di accertamento negli Usa - precisa una nota dell'azienda - è stata da noi spedita alla 'Forever Cheese, inc' nel giugno del 2012, regolarmente accompagnata dal certificato sanitario che, nel caso in specie, certificava l'assenza di listeria nel prodotto. Detti documenti sanitari sono stati già messi a disposizione delle autorità sanitarie competenti. Il lotto della merce spedita negli Usa è ben individuabile ed individuato come previsto dalla legge, per non creare allarmismi nella gente e confusione nei consumatori. Comunque l'azienda ha già avviato una serie di analisi e verifiche a tutela del consumatore e della propria immagine. Il prodotto coinvolto - continua la nota dell'azienda - è un tipo di ricotta da tavola prodotta specificatamente per gli Usa, diversa da quella commercializzata per l'Europa e per il mercato italiano. La letteratura scientifica spiega che il batterio della listeria si contrae e si sviluppa per contatto. La merce da noi spedita negli Usa - conclude la nota - era confezionata in un ambiente salubre e nel pieno rispetto delle norme HACCP, per cui, verosimilmente, la ricotta può essere stata infettata dalla manipolazione in fase di porzionatura o nella conservazione o ulteriormente inquinata per contatto da altri cibi. Si evidenzia la nostra estraneità e si garantisce che i nostri prodotti sono sicuri".


(ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intossicazioni negli Usa, la Procura di Bari sequestra partita di ricotta pugliese

BariToday è in caricamento