menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Japigia, via Caldarola invasa da cumuli di aghi di pino e mucchi di rifiuti

Manutenzione carente da mesi: lungo i marciapiedi si è formato un fitto tappeto di aghi, pericoloso per la circolazione delle auto. Ai lati, invece, non mancano immondizia, plastiche e altro materiale gettato da ignoti

"Le foglie morte cadono a mucchi" raccontava in una sua poesia Jacques Prévert. In via Caldarola,nel quartiere Japigia, di poetico c'è però ben poco e, al posto delle ingiallite foglie secche, ci sono cumuli di aghi di pino ormai da mesi depositati sull'asfalto del lungo (e per fortuna) ampio viale. Una situazione peggiorata nel corso dell'estate, in cui sembrerebbe mancata anche l'ordinaria manutenzione dei marciapiedi lungo la strata, solitamente percorsa a velocità sostenuta, dove basta una distrazione per finire sul scivoloso 'tappeto' di aghi.

Per non farci mancare nulla, lungo la strada vi sono anche altri mucchi composti da rifiuti di vario genere, esposti, sempre per citare la nota poesia, al "sole più bruciante". Il grande autore francese sarebbe stato forse entusiasta di un viale dal fascino così 'decadente'. Molto meno lo sono i baresi che lo percorrono quotidianamente, ancor di più dopo la riapertura delle scuole, a due passi dal Polivalente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento