Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Japigia / Via Suglia Tenente Cesare / Troisi

Parco via Troisi, a un passo dai lavori. Galasso: "Iter burocratico quasi terminato"

Il punto della situazione sull'opera prevista nel Pirp Japigia e sull'altro giardino di via Suglia, i cui cantieri sono invece bloccati. L'assessore: "La strada da via Toscanini? Non verranno tolti alberi"

Poche settimane di attesa e i lavori del parco di via Troisi, finanziati nell'ambito del Pirp di Japigia, potranno partire: a Palazzo di Città, infatti, sta per terminare l'iter burocratico di progettazione e via libera per l'opera, destinata a trasformare circa 2 ettari in un'area verde con giochi, panchine e campi sportivi, da calcio e basket. Negli uffici dell'Assessorato ai Lavori Pubblici, infatti, si aspettano solo le ultime carte, prima di passare tutto all'Urbanistica che potrà rilasciare i permessi necessari: l'azienda costruttrice, entro una settimana, dovrebbe consegnare la versione finale del progetto esecutivo, completa di alcune piccole osservazioni richieste dagli uffici amministrativi. Un percorso, dunque, praticamente giunto al termine, per un'opera attesa da anni e sulla quale non sono mancate le polemiche, anche da parte di alcuni residenti riuniti in un comitato di quartiere che hanno chiesto chiarimenti su alcune variazioni del progetto, secondo loro non positive, in particolare sulla realizzazione di una piccola bretella stradale per connettere via Suglia a via Toscanini.

A tal proposito, l'incontro del 23 tra i cittadini e l'assessore cittadino ai Lavori Pubblici, Giuseppe Galasso, è saltato per una mancata intesa sul luogo di svolgimento, previsto inizialmente nella sede del Municipio 1, location a quanto pare non gradita dagli attivisti: "Il patrimonio di alberi - spiega Galasso - rimarrà invariato nonostante la realizzazione della viabilità. La costruzione, prevista nel progetto preliminare e tolta nelle fasi successive, è stata reinserita poiché vi sono accessi ai condomini che necessitano di una piccola strada di collegamento. Non sarà asfaltata ma in prevalenza pedonale con un grande marciapiede, avrà masselli autobloccanti e alberi oltre ad essere a senso unico verso l'area di parcheggio in via Suglia. Inoltre, dal punto di vista procedurale, per eliminarla avremmo dovuto agire con una variante, rallentando notevolmente il progetto. La strada, crediamo, darà ulteriore sicurezza all'area".

Tra le altre osservazioni del Comitato cittadini, vi era anche la tipologia delle essenze prevista per il parco di via Troisi, in particolare sugli oleandri, i cui frutti sono ritenuti pericolosi se ingeriti: "Non vi sono - aggiunge Galasso - situazioni di pericolo o di potenziale danno. In ogni caso ho girato la segnalazione al settore Giardini". Infine, l'assessore interviene sulla realizzazione dell'altro parco, a ridosso di via Suglia 64, non previsto nel Pirp, i cui lavori sono al momento bloccati. Lì sorgeranno anche un'area per cani e un campo da basket completo e munito di impianto d'illuminazione a chiamata, su modello del Parco 2 Giugno: "C'era l'obbligo di un'autorizzazione - afferma l'assessore -, necessità non più presente, quindi non capisco come mai sia tutto fermo. La settimana prossima effettuerò un sopralluogo per capire la situazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco via Troisi, a un passo dai lavori. Galasso: "Iter burocratico quasi terminato"

BariToday è in caricamento