Japigia, rapine e strade buie: "Servono le telecamere. Decaro venga a trovarci"

Si acuisce il problema sicurezza dopo i recenti colpi messi a segno nella strada dell'omonimo quartiere e in altre vie limitrofe. I commercianti: "Le uniche luci accese di sera sono quelle dei negozi"

"Ci piacerebbe che il sindaco Decaro ci venisse a trovare, per spiegarli la situazione, decisamente peggiorata nel'ultimo anno". La richiesta, dei commercianti di viale Japigia e dintorni, nell'omonimo quartiere di Bari, è motivata non solo dai 'soliti' problemi quotidiani, come la mancanza di illuminazione o il degrado, ma da alcuni recenti episodi di criminalità: sono almeno 3, infatti, le rapine messe a segno nella zona e nelle strade limitrofe negli ultimi 20-25 giorni. Negozianti presi di mira nell'orario più vulnerabile, quello della chiusura, senza tenere conto della presenza di passanti e famiglie, come avvenuto la sera del 31 ottobre, quando, durante il pomeriggio di Halloween, i malviventi hanno effettuato un colpo in uno dei tanti esercizi commerciali che si affacciano sulla strada, fuggendo via col bottino e con grande rapidità.

Una via di passaggio, solitamente sicura, la cui vivibilità si è gradualmente abbassata per problemi vecchi e nuovi, a cominciare dalla scarsa illuminazione nelle ore serali: "Dopo il tramonto - spiegano alcuni esercenti - le uniche luci accese sono quelle dei negozi. Non ci sentiamo sicuri, dobbiamo stare sempre con gli occhi aperti. Di solito si ricordano di viale Japigia fino a via Magna Grecia, poi è come se non esistesse più". Per ovviare al problema oscurità, c'è chi ha deciso di anticipare di qualche minuto la chiusura, evitando così rischi: "Non possiamo però andare oltre - affermano - perché ne risentiremmo ancor di più dal punto di vista degli affari. C'è bisogno di una presenza maggiore delle Forze dell'Ordine. Fino a pochi anni fa non era assolutamente così. Si è tornati indietro di un paio di decenni, quando la microcriminalità era più presente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra le richieste dei cittadini, oltre a più pattugliamenti, c'è anche l'aggiunta di telecamere, magari proprio all'incrocio con via delle Medaglie d'Oro, in modo da monitorare a 360° la strada. La questione sicurezza, però, non è l'unica sul tavolo. La fogna è da rifare e quando piove la strada diventa un piccolo fiume, come a settembre scorso e, soprattutto, tre anni fa: "Quella volta - spiegano i negozianti - l'acqua entrò fin dentro i locali. Da quel momento in poi abbiamo installato delle sbarre a terra per evitare che si ripeta lo stesso episodio. Sono necessari interventi urgenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Vipera in giardino: come riconoscerla e cosa fare in caso di morso

  • I nomi del nuovo Consiglio regionale: la ripartizione dei seggi, ecco chi siederà in via Gentile

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

  • Vento forte e temporali in arrivo nel Barese: scatta l'allerta meteo arancione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento