In casa 200mila euro in contanti: sequestrato 'tesoretto' ai familiari del boss

Operazione dei carabinieri a Japigia: il denaro nascosto nell'abitazione della cognata di un esponente della criminalità organizzata del quartiere. Due denunce per riciclaggio, indagini per ricostruire la provenienza del denaro

Nascondevano in casa la somma contante di quasi 200mila euro, suddivisa in mazzette imballate da 10mila euro ciascuna. Un 'bottino' per cui una 55enne e un 34enne, zia e nipote, rispettivamente cognata e genero di un esponente della criminalità organizzata del quartiere Japigia, non hanno saputo fornire giustificazione.

In moto con 3mila euro nello zaino, in casa 200mila euro

Il sequestro dei carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari Centro è scattato in seguito ad una perquisizione effettuata nell'abitazione della donna, in via Caduti Partigiani. I militari sono arrivati all'appartamento seguendo il 34enne, incensurato, intercettato mentre, sfrecciando a tutta velocità in moto per le vie del quartiere, raggiungeva l'abitazione della zia. I carabinieri, insospettiti da tale atteggiamento, sono quindi entrati nell'abitazione e hanno sottoposto a controllo il ragazzo, il quale aveva occultato, nel proprio zainetto, la somma di 2.950 euro in contanti. Così la perquisizione è stata estesa all’intero immobile e, grazie all’intuizione dei militari, è stato possibile recuperare in diversi punti, ben occultati, della camera da letto, tra cui all’interno di un materasso, la somma contante di quasi 200mila euro, suddivisa in mazzette imballate da 10 mila euro cadauna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Denunciati per riciclaggio, indagini in corso

Un bottino di cui non è stata data alcuna giustificazione e per il quale il 34enne e la 55enne, proprietaria dell’abitazione, sono stati deferiti alla competente A.G. per il reato di riciclaggio. Sono in corso ulteriori accertamenti da parte dei Carabinieri per risalire alla provenienza dell’ingente somma ed a verificare se ci siano altri soggetti a vario titolo coinvolti nella vicenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccio De Santis positivo al coronavirus, annullato spettacolo in Svizzera: "Sono forte, ci vediamo presto"

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • I nomi del nuovo Consiglio regionale: la ripartizione dei seggi, ecco chi siederà in via Gentile

  • Comunali 2020 in provincia di Bari, al via lo spoglio | I risultati in diretta

  • Raffaele Fitto positivo al Covid-19 con la moglie, l'annuncio: "Tampone dopo contagio di uno stretto collaboratore"

  • Il Coronavirus fa ancora paura nella provincia: un decesso a Polignano, crescono i contagi a Noicattaro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento