Cronaca Japigia / Via Caldarola

Japigia sempre più 'verde': inaugurato il nuovo giardino di via Caldarola

Dopo un anno di lavori apre l'area giochi costruita in collaborazione con l'Eni. Riqualificata la stazione multienergy e realizzato uno spazio per bambini, anziani e associazioni. Per il 2014 in programma nel quartiere l'apertura di altri due parchi

Panchine, giostre per i più piccoli e un locale commerciale fruibile dalle associazioni di quartiere. E' stato inaugurato a Japigia il nuovo giardino tra via Caldarola e via Archimede, opera nell'ambito del Pirp della Regione in collaborazione con l'Eni, proprietaria dell'attigua stazione di servizio. La riqualificazione, a tutto tondo, ha interessato sia il distributore, trasformato in un'area rifornimento multienergy anche con la presenza di colonnine per la ricarica delle auto elettriche, ma anche lo spazio incolto adiacente, dove in precedenza vi era un'area di campagna con una baracca.

All'inaugurazione è intervenuto il sindaco Emiliano assieme a una folta rappresentanza della Giunta (gli assessori Abbaticchio, Lacarra e Maugeri), oltre al deputato Antonio Decaro, all'assessore regionale ai Lavori Pubblici Gianni Giannini e al presidente della Circoscrizione Japigia-Torre a Mare, Giorgio D'Amore. L'intervento complessivo, durato circa un anno, è costato all'incirca 700mila euro: in base a un accordo, l'Eni si occuperà della manutenzione ordinaria per i prossimi 10 anni.

Nei prossimi mesi verrà assegnata con un bando la gestione della struttura nel giardino. Da definire resta invece la questione guardiania, ancora più importante se si considera il progetto di realizzazione del parco recintato per metà da reti e da siepi, queste ultime ad altezza di bambino, in una zona di Japigia tra le più a rischio: "Vorremmo replicare - ha spiegato l'assessore comunale all'Ambiente, Maria Maugeri - l'esperimento riuscito per il Parco 2 Giugno, dove funziona il servizio di sorveglianza ad opera di alcune associazioni. Monitoreremo fin da subito la situazione e poi agiremo di conseguenza". Il sindaco Emiliano ha ringraziato l'Eni per il supporto all'iniziativa: "Si tratta di un impegno da parte di un'azienda globalizzata ma da sempre con uno spirito italiano. Questo è un quartiere pieno di speranze dove si combatte senza mollare mai e nel quale, di recente, abbiamo restituito la casa a tante famiglie che per 30 anni avevano vissuto in containers".

Il giardino fa parte di un più complesso piano 'verde' che nel giro di un anno potrebbe dare agli abitanti del popoloso quartiere altri due parchi: "Proseguono i lavori per la riqualificazione della Pineta di San Luca - ha rivelato il presidente della Circoscrizione, D'Amore - mentre è prevista la realizzazione di un parco da 15mila mq nelle vicinanze di via Toscanini e via Suglia. Quando verrà ultimato, sarà la terza area a verde più grande della città dopo la Pineta di S.Francesco e il Parco 2 Giugno".

L'area giochi inaugurata quest' oggi, già dall'anno prossimo, potrà essere facilmente raggiungibile in bici: nei prossimi mesi, ha annunciato il consigliere comunale delegato per la Mobilità, Decaro, verrà appaltato il bando per la realizzazione del primo tratto della pista ciclabile che si snoderà lungo via Caldarola a partire dal Polivalente. Resta da completare invece quella nei pressi della chiesa San Marco, per la quale l'azienda esecutrice dell'opera ha chiesto la rescissione del contratto a causa della sospensione prolungata dei lavori da parte del Comune.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Japigia sempre più 'verde': inaugurato il nuovo giardino di via Caldarola

BariToday è in caricamento