La Pric-o-pràc: tradizione culinaria molfettese

La pric-o-pràc (mini peperonata artefatta in esatte e consumata in inverno) Da una ricetta di Leonardo Altomare, studioso di gastronomia locale, poeta, cantastorie di Molfetta.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Dopo numerose richieste, pubblichiamo la ricetta della pricoprà molfettese 

La pricoprà (mini peperonata artefatta in esatte e consumata in inverno) 
Da una ricetta di Leonardo Altomare, studioso di gastronomia locale, poeta, cantastorie di Molfetta.
 

Anzitutto bisogna precisare agli amanti di questa peperonata che, oggigiorno, non è possibile comporre la pricoprà a mo’ dei nostri avi imperciocchè i peperoni, come molti altri vegetali non sono coltivati come Iddio volle. Quindi bisogna adattarsi ai tempi. 

Tritate i peperoni maturi rossi, verdi e gialli a guisa di quadrettini, fateli asciugare al sole disposti su un canovaccio e, ben rinsecchiti che siano, metteteli sott’aceto per ventiquattro ore. 

Toglieteli dall’aceto, scolateli per bene e invasateli con qualche “diavelicchie” (peperoncino piccante) tritato, una presa di prezzemolo, aglio affettato, sale e olio d’oliva. Assaporateli dopo una ventina di giorni 

____________________________________________________ 

in english: 

The pricoprà (mini peppers in artificial accurate and consumed in winter) 
From a recipe by Leonardo Altomare, a scholar of local gastronomy, poet, storyteller, born to Molfetta. 

First we must make clear to the lovers of the peppers that, nowadays, it is not possible to settle the pricoprà mo 'of our ancestors imperciocchè peppers, like many other plants are not grown as God wanted. So you have to adapt to the times. 

Chop the ripe peppers red, green and yellow in the shape of squares, let them dry in the sun on a towel and willing, they are well dried up, put them in vinegar for twenty-four hours. 

Take them by vinegar, drain well and invasateli with some "diavelicchie" (hot pepper) chopped, a pinch of parsley, sliced garlic, salt and olive oil. You can eat after twenty days

Torna su
BariToday è in caricamento