Dal potenziamento dei depuratori allo stop agli sversamenti a Pane e Pomodoro: lavori per 125 milioni in città

Gli otto grandi cantieri già partiti e in partenza grazie ad Acquedotto pugliese, sono stati presentati in mattinata durante un sopralluogo del sindaco Decaro in via Michele De Napoli

Dal potenziamento dei depuratori che servono l'area di Bari ai progetti per evitare lo sversamento di liquidi fognari sulla spiaggia di Pane e Pomodoro in caso di pioggia, sino all'impianto di sollevamento delle acque sul lungomare di San Girolamo. Sono gli otto grandi cantieri, con un investimento totale di 125 milioni di euro presentati questa mattina dal presidente di Acquedotto Pugliese, Simeone Di Cagno Abbrescia, e dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, durante il sopralluogo in uno dei cantieri in via Michele de Napoli. 

1da00fcd-2375-4a1f-ac39-4ee0220ce6a2-2

Il potenziamento dei depuratori

Il primo progetto, che terminerà entro la fine del 2019, è appunto il potenziamento dell'impianto di depurazione di Bari ovest - che serve le circoscrizioni Libertà, Fesca - San Girolamo, Palese – Santo Spirito, parte di Murat e Zona Industriale, e da alcuni comuni limitrofi (Modugno, Grumo Appula, Binetto, Bitetto, Toritto, Palo del Colle e Bitritto) - che prevede un investimento di 30 milioni di euro, allo scopo di migliorare le fasi di lavorazione della risorsa trattata, la linea fanghi e combustione del biogas ai fini della produzione di energia elettrica e termica, e il miglioramento del trattamento dell’aria. A questo si aggiungerà a breve anche il potenziamento del depuratore di Bari Est - che serve le circoscrizioni Picone – Poggiofranco, Carbonara – Ceglie – Loseto, Torre a Mare – Japigia, Carrassi - San Pasquale, Madonnella, San Nicola e parte di Murat, e dei comuni limitrofi (Adelfia, Bitritto, Noicattaro, Rutigliano, Sannicandro, Triggiano, Valenzano, Capurso e Cellamare) - di cui è in approvazione il progetto per un investimento di 25 milioni e mezzo di euro. La stima della durata dei lavori è di un anno e mezzo.

I lavori sulle condotte per Pane e Pomodoro

Altri 20 milioni di euro sono stati stanziati per i progetti di prolungamento delle condotte sottomarine che allontanano le acque depurate dalla costa, i cui lavori dureranno circa un anno dall’avvio dei cantieri. Gli interventi di Aqp serviranno poi a risolvere uno dei problemi che affligge i bagnanti con l'arrivo della bella stagione: la condotta Matteotti che tracima in caso di acquazzone, scaricando i liquami fognari in mare a Pane e Pomodoro. Ecco perché, su impulso dell’amministrazione comunale di Bari e in sinergia con Regione Puglia e Autorità Idrica Pugliese, è stato appena concluso un primo intervento dell’importo di 2,3 milioni di euro, a cui seguirà un secondo intervento, a più ampio respiro, dell’importo di 29 milioni di euro, per una somma complessiva di oltre 31 milioni di euro.

Il primo progetto, appena concluso, è stato realizzato al fine di eliminare le interferenze dirette di fognatura nera con il canale “Picone” in varie vie del comune di Bari. Sono stata eliminate, inoltre, le immissioni dirette causate da variazione di tracciati di tronchi fognari e da allacci realizzati in passato, impropriamente recapitanti nel canale “Picone”.  Il secondo progetto, ancora in fase di verifica per un importo di 29 milioni di euro, riguarda in maniera più strutturata la rivisitazione delle reti fognanti a servizio dei quartieri Carrassi, Picone e Madonnella, con la modifica delle dimensioni e dei percorsi di alcune dorsali della rete di fognatura comprese tra lo stesso "Picone" e i collettori "Alto" e "Matarrese". Si prevede comunque che la gara di appalto integrato per  per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori - che dovrebbero avere una durata di tre anni - partirà presumibilmente entro l’anno.

Manutenzione sulla fogna bianca

C'è poi la questione della manutenzione fognaria: l'ultimo intervento terminato, per un costo di circa un milione di euro, riguarda l'impianto di sollevamento sul lungomare IX maggio, a San Girolamo, il cui investimento è stato di circa un milione di euro. Particolare attenzione è stata anche rivolta alle zone periferiche, dove Acquedotto Pugliese realizzerà, con un investimento di 16,5 milioni di euro, il completamento delle reti idriche e fognarie per un totale di oltre 26 chilometri e 5 nuovi impianti di sollevamento fognario. Il progetto è attualmente in attesa dell’approvazione da parte dell’Autorità Idrica Pugliese (AIP), con circa 3 anni e mezzo di lavori.

Anche il Comune ha investito sui tronchi di fogna bianca, visto che al momento coprono solo il 15 per cento della rete stradale cittadini, per cui si determinano gli allagamenti in caso di acquazzoni. Si sta perciò lavorando a 10 progettazioni, di cui due già approvate in giunta lo scorso marzo e otto, con delibere in corso di redazione. Interventi che permetteranno di realizzare circa 190 km di nuova rete di fogna bianca, con oltre 9200 nuove caditoie, 14 vasche di raccolta e trattamento acque meteoriche, per un investimento complessivo stimato in circa 165 milioni di euro, risolvendo tutte le criticità della attuale rete di fogna bianca cittadina. Gli ultimi due accordi quadro - del valore di 500mila euro e un milione e 100mila euro - hanno poi permesso di risolvere molte criticità, tra cui quelle nel sottovia generale Bellomo a Santa Fara (con 4 pozzi anidri, 50 caditoie e un impianto di trattamento), via re David (150 metri di nuove condotte e 101 caditoie), via Pansini (10 caditoie), sottovia Camillo Rosalba (un pozzo anidro) e il sottovia Michele Cifarelli, con nove caditoie.
A questi interventi si aggiungono circa 38 km di pulizia ed espurghi di condotte e circa 1600 caditoie e tombini completamente disostruiti e riportati a completa funzionalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Queste sono opere poco visibili dai cittadini - ha dichiarato il sindaco Decaro - ma che servono a migliorare di molto la qualità della vita in città. Basti pensare al lavoro che si sta facendo per migliorare la qualità delle acque o dell’aria, in modo da continuare ad investire sulla nostra costa e dall’altro lato, con i progetti avviati dal Comune, si sta intervenendo sulla sicurezza delle strade, per evitare gli allagamenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piccioni su balconi e grondaie: i sistemi per allontanarli da casa

  • Chiude dopo più di 20 anni il Disney Store di via Sparano a Bari: a rischio 13 lavoratori, proclamato sciopero

  • Operatrice positiva al Covid, chiude asilo nido a Bari

  • Positiva al covid rompe la quarantena ed esce a fare la spesa: denunciata una donna nel Barese

  • A Bari vecchia 38 positivi al Covid e Decaro mette in guardia i residenti: "A breve confronto con i gestori dei locali"

  • Incendio a Valenzano: fiamme nelle vicinanze delle palazzine, avvertite anche delle esplosioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento